ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spagna piegata dal Covid-19: 832 morti nelle ultime 24 ore, 5.694 decessi complessivi

euronews_icons_loading
Spagna piegata dal Covid-19: 832 morti nelle ultime 24 ore, 5.694 decessi complessivi
Diritti d'autore  AP Photo/Bernat Armangue
Dimensioni di testo Aa Aa

In Spagna i morti per il Covid-19 sono ora 5.694, dopo gli 832 decessi nelle ultime 24 ore, un nuovo record per il Paese. I contagi complessivi dall'inizio della crisi sono oltre 72.000, con un incremento di 8.189 nuovi casi positivi in un giorno. Si tratta di un aumento del 12,7%, rispetto al 14% di venerdì e al 18% del giorno precedente. E mentre si lotta contro il tempo per fermare la diffusione del virus, per i famigliari delle vittime è sempre più difficile dire addio ai propri cari. Non più di due persone possono infatti partecipare alle sepoltura. "Ci sono delle limitazioni", spiega il sacerdote che ha celebrato le esequie di una 80enne a Madrid. "Le famiglie l'hanno presa in modo diverso. Alcuni l'hanno accettato, soffrono. Altri non capiscono e la verità è che non è facile per loro essere da soli a vivere quello che stanno attraversando".

AP Photo/Felipe Dana
Un ambulanza trasporta un paziente Covid-19 verso un ospedale di BarcellonaAP Photo/Felipe Dana

Paramedici stremati e (spesso) senza protezione

A Barcellona, i paramedici si dicono esausti. Ogni giorno fanno la spola tra le abitazioni di pazienti Covid-19 e l'ospedale, dove questi vengono trasportati. Molti operatori sanitari spagnoli continuano a lamentarsi, per la mancanza di materiale protettivo di base, come mascherine, guanti e camici. Quello che vivono ogni giorno, va oltre ogni immaginazione e li preoccupa: "Oggi abbiamo ricoverato 7/8 pazienti, tutti con Covid-19. Tutti. E l'età media si sta abbassando. Non hanno più tutti 80 anni, ora hanno anche 30 e 40 anni", spiegano due paramedici.

Ci sono però anche momenti di gioia, come quello che vedete nel tweet qui sotto. All'ospedale di Granollers, il personale medico ha festeggiato quando il primo paziente Covid-19 è uscito dal reparto di terapia intensiva.