ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus, la mappa delle regioni europee più colpite

Coronavirus, la mappa delle regioni europee più colpite
Diritti d'autore  INA FASSBENDER/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Crescono in tutta Europa i casi di Covid-19 e cercare di arrestarne l'avanzata con misure che puntano a mitigare il contagio, rallentandone semplicemente la diffusione e così allentare la morsa sul sistema sanitario, non sarà sufficiente. Questa è la principale conclusione di uno studio dell'Imperial College di Londra che arriva mentre i Paesi europei decidono se adottare l'approccio italiano, francese e spagnolo - con misure drastiche di contenimento - o puntare al modello tedesco del contact tracing oppure, ancora, scegliere di posporre le misure più draconiane per non danneggiare l'economia come sta facendo il Regno Unito.

Se si dovesse optare per il cosiddetto "scenario 1", ossia un approccio che prevede misure limitate alla mitigazione del coronavirus, lo studio prevede "circa 250mila morti nel Regno Unito e oltre un milione negli Stati Uniti". Gli scienziati, coordinati dal prof. Neil Ferguson, consigliano al Regno Unito di adottare a breve misure più incisive per sopprimere l'epidemia nonostante "l'impatto sociale ed economico delle misure necessarie per raggiungere questo obiettivo sarà profondo".

Si stima che il "disimpegno sociale" dovrà essere prolungato "potenzialmente 18 mesi, se non di più", il tempo necessario per avere un vaccino disponibile. "Prevediamo che la trasmissione si riprenderà rapidamente in caso di interventi troppo rilassati".

Il rapporto spiega che, mentre l'esperienza in Cina e in Corea del Sud dimostra come un approccio senza sconti funzioni a breve termine, non ci sono garanzie sul lungo periodo. Secondo gli scienziati, il social distancing, l'allontanamento sociale, dovrà essere reintrodotto se nuovi focolai dovessero emergere più in là.

Gli Stati Uniti e la Cina hanno iniziato questa settimana le sperimentazioni umane di un vaccino contro il coronavirus, che finora ha infettato più di 203mila persone nel mondo e ucciso più di 8.200 individui. L'epicentro della pandemia è ora in Europa, e l'Italia sta raggiungendo la Cina in quanto a numero di decessi.

Di seguito, le regioni dove il Covid-19 ha colpito di più nei principali paesi europei e la mappa del contagio aggiornata al 18 marzo. Dati: Ministero della Salute; Santé publique France; Ministerio de Sanidad; Robert Koch Institut; CH: Office fédéral de la santé publique; Gov.uk, Health and social care; Bundesministerium für Gesundheit.html); European Centre for Disease Prevention and Control.