ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Quei bambini al confine greco-turco, dal futuro incerto

euronews_icons_loading
Quei bambini al confine greco-turco, dal futuro incerto
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

"Europa, per favore". Questo è l'appello dei più giovani e vulnerabili di una comunità che nessuno vuole ospitare. Secondo l'Onu, i bambini costituiscono più della metà della popolazione mondiale di rifugiati. E sul confine greco-turco, anche i bisogni più elementari non sono soddisfatti. "Abbiamo bisogno di cibo. I bambini hanno fame. Abbiamo bisogno di latte e di cibo per loro", spiega Dünya, richiedente asilo siriana.

Dünya si è messa in viaggio da sola per la Germania con i suoi cinque figli, dopo aver perso il marito in guerra. Ora è bloccata in una zona cuscinetto, al confine tra Turchia e Grecia. Parla di condizioni terribili, soprattutto per i più piccoli: "Piangono in continuazione. Tutto è sporco", ci racconta. "Perché? La vita è troppo dura. Ma se Dio vuole, la Germania ci aprirà le porte, Angela Merkel ci aiuterà. Siamo stanchi. Siamo stanchi".

Non siamo riusciti a seguire Dünya nella zona cuscinetto. I giornalisti hanno accesso limitato. Le abbiamo però chiesto di porre le nostre domande alle sue figlie, Sumuh e Buruc, rispettivamente di 6 e 5 anni.

Dünya: "Cosa c'è che non va nel "campo"?

Sumuh: "E' troppo sporco"

Dünya: "Perché sei qui?"

Buruc: "Così posso andare in Germania"

Dünya: "Perché vuoi andare in Germania? "

Buruc: "Per vedere Angela Merkel".

Dünya: "Cosa farete in Germania?"

Sumuh: "Vivremo i nostri sogni. I nostri stomaci saranno pieni. Andrò a scuola"

La Germania ha annunciato di voler accogliere i bambini rifugiati, provenienti dalla Grecia. Ma deve ancora specificare se coloro che sono bloccati da questo lato del confine sono inclusi oppure no.

Nel frattempo... Sumuh e Buruc aspettano. La loro infanzia si sta consumando. "Purtroppo, in tempi di crisi, i bambini non possono vivere la loro infanzia", dichiara Onur Kutay Ozerturk, della Mezzaluna rossa turca. "Non possono comportarsi come bambini. Non possono vivere come bambini. Ci si aspetta che si assumino le responsabilità che gli adulti normalmente si assumono - sostenere la famiglia, lavorare...".

I bambini sfollati, mentre fuggono da situazioni in cui la loro vita è a rischio, affrontano pericoli fisici e psicologici che possono ridurre significativamente le loro possibilità di un futuro migliore.