ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tunisia, kamikaze contro l'ambasciata Usa: un morto

euronews_icons_loading
Tunisia, kamikaze contro l'ambasciata Usa: un morto
Diritti d'autore  Screenshot del video Afp
Dimensioni di testo Aa Aa

Due kamikaze si sono fatti esplodere vicino all'ambasciata statunitense di Tunisi. Un poliziotto è morto, secondo il ministero dell'Interno tunisino, 4 sono rimasti feriti. Leggermente ferita anche una passante. I due attentatori erano noti alle forze dell'ordine perché già detenuti per reati di terrorismo. I due sarebbero stati rimessi da poco in libertà e sottoposti alla misura di divieto di espatrio.

Legato al conflitto in Libia?

L'attacco secondo alcuni analisti sarebbe legato alla posizione della Tunisia nel conflitto libico. Il governo del presidente Kais Saied ha scelto di schierarsi con al Serraj, a fianco della Turchia e del Qatar.

Le parole del portavoce

"Si è trattato di un attentato fallito", ha detto il portavoce del ministero dell'Interno Khaled Hayouni alla radio locale Mosaique Fm, precisando "il modus operandi di questo attacco dimostra il suo lato arbitrario e come gli attentatori suicidi si facciano esplodere a caso". "Ciò dimostra anche che la polizia ha vinto la guerra contro il terrorismo. I terroristi si trovano in una situazione disperata", ha detto Hayouni.

I precedenti

L'ultimo attentato terroristico a Tunisi, rivendicato dall'Isis, risale al 27 giugno 2019. Lo scorso 30 gennaio il presidente Kais Saied ha prorogato per tre mesi lo stato di emergenza in tutto il Paese. Nel 2012 l'ambasciata degli Stati Uniti, situata in una zona residenziale alla periferia di Tunisi, è stata presa d'assalto da una folla inferocita per un film antimusulmano prodotto negli Usa.