ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Farmaci illegali: sgominata rete gestita dalla Calabria

euronews_icons_loading
Farmaci illegali: sgominata rete gestita dalla Calabria
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria scardinano un traffico di anabolizzanti in palestre e gare sportive facendo luce su una morte sospetta. Nove diversi misure cautelari, in tutto 20 indagati, sequestrate partite di farmaci proibiti.

L'operazione Ercole iniziata nel 2017

Su ordine del Tribunale di Palmi Carabinieri, Nas, Cacciatori di Calabria hanno intercettato coloro che in provincia di Reggio Calabria, Catania e Firenze sono accusati di commercio illecito di sostanze anabolizzanti, stupefacenti, ed altri prodotti che migliorano le prestazioni agonistiche. L'indagine era stata avviata nel 2017 a seguito della morte sospetta di un 40enne della zona. I capi d'accusa sono ricettazione, esercizio abusivo della professione e somministrazione di farmaci pericolosi per la salute pubblica.

Perquisizioni e sequestri

Nel corso delle operazioni, durante le quali sono state eseguite anche diverse perquisizioni in Toscana, Calabria e Sicilia, è stata inoltre data esecuzione, unitamente a militari della Guardia di finanza, alla misura cautelare reale del sequestro preventivo di beni mobili e immobili per un valore di oltre 100.000 euro, riconducibili a due degli indagati, in quanto ritenuti frutto del commercio illecito. L'operazione denominata "Ercole", giunge alla fine di una articolata attività investigativa, supportata da serrati monitoraggi tecnici, analisi documentali e indagini tradizionali.