Eni: nuova scoperta a olio nell’offshore messicano

Foto d'archivio
Foto d'archivio Diritti d'autore AP Photo/Gregorio Borgia
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo le stime preliminari, potrebbe contenere tra 200 e 300 milioni di barili

PUBBLICITÀ

Nuova scoperta di petrolio per Eni in Messico, nel prospetto esplorativo denominato Saasken, situato nelle acque medio profonde del Blocco 10 - la cui joint venture è composta da Eni al 65% di interesse, Lukoil al 20% e Capricorn al 15%. Il pozzo si trova a circa 65 km dalla costa ed è stato perforato in 340 metri di profondità d'acqua, raggiungendo una profondità complessiva di 3.830 metri. Una scoperta che, secondo le prime stime, potrebbe contenere tra 200 e 300 milioni di barili.

Il Messico è ormai diventato un Paese fondamentale nella strategia del gruppo fondato negli anni '50 a Milano, grazie alle otto licenze localizzate nel bacino di Sureste nel Golfo.

Video editor • Cinzia Rizzi

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Etna, neve e colate di lava: il vulcano dà ancora spettacolo

Femminicidi: l'Italia sta facendo abbastanza per proteggere le sue donne?

Costiera amalfitana: tromba d'aria tra Maiori ed Amalfi, nessun danno a cose o persone