EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La sfida europea del grafene

euronews
euronews Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ricercatori al lavoro per reigere "la Bibbia" del promettente materiale

PUBBLICITÀ

Un miliardo di euro per scoprire tutti i segreti del grafene. È uno dei progetti scientifici di punta dell'Unione europea e prevede la redazione di una "Bibbia" di questo materiale innovativo, un testo che contenga tutte le informazioni scientifiche disponibili.

"Prima di arrivare a una applicazione basata sul grafene si deve essere in grado di utilizzarlo. Per questo un manuale, un testo di riferimento che indichi i dettagli precisi su come realizzare questi materiali, come caratterizzarli, come trasferirli da un substrato all'altro, sarà molto utile", spiega Andrea Ferrari, docente di nanotecnologie a Cambridge.

Nelle intenzioni di Bruxelles il progetto grafene punta a dar vita a un vero e proprio acceleratore tecnologico che aiuti l'Europa a competere sui mercati globali della ricerca e dell'innovazione. Leggero, flessibile, con grandi capacità di conduzione, il grafene promette applicazioni inedite in molti campi. Il progetto europeo si è dato l'obiettivo di convalidare i protocolli sulle caratteristiche dei materiali, prevedere una loro produzione di massa, e velocizzare il loro arrivo tra gli oggetti di consumo.

Mar García Hernández:  "È un testo che comprende la desccrizione dei metodi principali per produrre grafene e altri materiali bidimensionali". Claire Berger: "Scopo del volume è di percorrere la linea che unisce la fabbricazione di questi materiali ai prodotti finali".

Il grafene è già in molte applicazioni commerciali, dalle batterie di lunga durata, ai sensori di movimento, ai sistemi di visione notturna. Secondo gli esperti proprio la mancanza di dati sulla corretta produzione del grafene ha di fatto rallentato finora la diffusione del suo impiego.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Europa che voglio: tecnologia e transizione digitale, cosa farei da europarlamentare

VivaTech 2024: l'AI al centro dell'attenzione alla fiera tecnologica francese

Le accademie scientifiche europee chiedono "almeno il 3% del PIL" per ricerca e sviluppo