ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Macron all'Europa: "Presto una corsa al nucleare, non stiamo a guardare"

euronews_icons_loading
Macron all'Europa: "Presto una corsa al nucleare, non stiamo a guardare"
Diritti d'autore
AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Il presidente francese Emmanuel Macron fa un appello per una strategia di difesa dell'Unione europea più coordinata in cui la Francia, unica potenza nucleare post Brexit dell'Unione, ricoprirà un ruolo centrale.

"Alcuni stati optano consapevolmente per atteggiamenti opachi in materia di nucleare, persino aggressivi, a volte anche ricattatori - dice - Gli equilibri dissuasivi tra i poteri sono quindi diventati più instabili".

Con la proliferazione di missili tecnologicamente più avanzati, siamo anche di fronte a una situazione senza precedenti in cui anche potenze regionali sono o saranno in grado di toccare direttamente il territorio dell'Europa
Emmanuel Macron

Rivolgendosi alla platea della scuola di guerra, ovvero gli alti ufficiali pronti per il comando, Macron ha sottolineato come la Francia veda le sue armi nucleari come un deterrente e ha annunciato un investimento di 37 miliardi di euro entro il 2025.

"In questo quadro gli europei devono proporre assieme un'agenda internazionale sugli armamenti - continua - La fine del trattato sui missili nucleari a raggio intermedio, le incertezze sul futuro del trattato New Start, la crisi del regime convenzionale di controllo degli armamenti in Europa suggerisce da qui al 2021 la possibilità di una pura competizione militare e nucleare senza limiti come non abbiamo più visto dalla fine degli anni '60".

Euronews

In questa cartina vedete il numero delle testate nucleari possedute da ogni paese. La Russia è in testa con 6500 testate nucleari seguita dagli Stati Uniti con 6185, mentre la Francia con le sue 300 armi supera leggermente la Cina. Macron invita quindi gli altri Stati dell'Unione europea a non stare a guardare.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.