ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Chi è Friedrich Merz, il conservatore milionario che punta alla leadership della CDU

Chi è Friedrich Merz, il conservatore milionario che punta alla leadership della CDU
Diritti d'autore
AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Le dimissioni di Annegret Kramp-Karrenbauer, designata alla successione di Angela Merkel come leader della CDU, hanno avuto un effetto deflagrante sulla politica tedesca. Con la sua rinuncia, sfumano per sempre tutte le sue ambizioni di diventare la prossima cancelliera della Repubblica federale nel 2021.

Se Twitter fosse una palla di cristallo, un politico della CDU chiamato Friedrich Merz avrebbe più motivi di tutti per sorridere dato che il suo nome era ieri il più gettonato come favorito nella corsa di successione.

La Kramp-Karrenbauer (AKK), ministra della difesa, è stata costretta al passo indietro dopo che il neogovernatore della Turingia, Thomas Kemmerich, è stato eletto con i voti dell'ultradestra di Alternative für Deutschland. Da quando è stata nominata presidente, il partito ha subito sconfitte pesanti in quattro elezioni locali.

Il fuoco amico non ha risparmiato neanche Angela Merkel. Il suo storico rivale, proprio Friederich Merz, ex capogruppo della Cdu e battuto a suo tempo da Kramp-Karrenbauer nella corsa alla leadership del partito, inizialmente si è astenuto da ogni commento sul terremoto che ha scosso i cristiano-democratici in Turingia. Attraverso un portavoce, ha detto che "in una situazione del genere, è più importante pensare con saggezza che parlare velocemente".

Quindi ha aggiunto che la decisione di AKK merita rispetto, offrendole tutto il suo sostegno per "guidare il processo di successione". Già prima che la bomba nucleare venisse sganciata, la politologa Ursula Münch aveva indicato Friedrich Merz come possibile nuovo uomo forte della CDU rispetto a Armin Laschet, fedele di Angela Merkel e governatore della CDU del Nord Reno-Westfalia, nella parte nord-occidentale del Paese.

"Laschet potrebbe avere difficoltà a vincere nei Lander della Germania dell'Est", l'opinione di Münch a Euronews. Un altro, potenziale contendente è Jens Spahn, giovane ministro della Salute.

AFP

Chi è Friedrich Merz?

Merz è considerato un rappresentante dell'ala destra della CDU; definito "l'acerrimo rivale di Angela Merkel", non le ha mai lesinato critiche. Esperto di finanza, è considerato un "reazionario moderno", un "uomo d'affari" e viene descritto come un "conservatore valoriale".

Nato nel 1955 a Brilon nel Sauerland, non lontano da Dortmund, è sposato da 30 anni e padre di tre figli. Laureato in legge e in scienze politiche, avvocato, è entrato a far parte della CDU all'età di 17 anni e dal 1989 è stato membro del Parlamento europeo per cinque anni. Dal 1994 al 2009 è stato parlamentare al Bundestag tedesco. Dal giugno 2019 è vicepresidente del Consiglio economico della CDU.

Con Merz, i suoi sostenitori sperano di recuperare gli elettori persi a discapito dell'ultradestra di AfD.

Quando alla fine del 2018 AKK è stata eletta alla guida del partito, Merz era considerato uno dei favoriti. Gli osservatori ritengono che a costargli caro sia stato un debole discorso alla conferenza dei delegati. Merz, che ha fama di buon oratore, ha perso il voto finale per 517 voti contro 482.

Dopo la sconfitta, non ha ottenuto alcun incarico ministeriale da Kramp-Karrenbauer, nonostante le alte sfere della CDU si siano espresse in suo favore, e così l'ala conservatrice ed economicamente liberale del partito è risultata azzoppata.

Dobbiamo avere il coraggio di contraddire ed essere controversi. Se vogliamo ottenere più di un terzo dei voti, dobbiamo fare meglio di così.
Friedrich Merz

Tempismo oppure opportunismo?

Settimana scorsa Merz ha rinunciato al suo posto nel consiglio di vigilanza dell'americana Blackrock, la più grande società di investimento nel mondo con sede a New York. Il 6 febbraio ha dichiarato in un'intervista di volersi "impegnare ancora di più in questo Paese nelle prossime settimane e nei prossimi mesi".

Se alcuni lo considerano come vero leader carismatico del partito, altri lo ritengono uno "zombie che si aggira da anni nel panorama politico della CDU".

Merz è senza dubbio una vecchia volpe della politica tedesca. Dal 2000 al 2002 è stato a capo del gruppo parlamentare CDU/CSU nel Bundestag e quindi leader dell'opposizione - fino a quando Angela Merkel lo ha spinto alle dimissioni. Progressivamente, negli anni successivi, si è ritirato dalla politica attiva per concentrarsi sulla professione legale, fare incetta di posti di rilievo nel settore economico e finanziario e accumulare milioni.

"Il cambiamento di prospettiva degli ultimi anni ha affinato la sua visione politica", scrive di sé Merz sul suo sito.

Nel 2000 ha coniato la controversa espressione "cultura guida tedesca", chiedendo agli stranieri in Germania di imparare il tedesco e "accettare usi, costumi, tradizioni e abitudini".

Sostiene politiche rigorose in materia di immigrazione, ha più volte criticato la Cancelliera per posizioni "troppo di sinistra", è a favore della deregolamentazione e della privatizzazione dell'economia e da tempo chiede una semplificazione dell'imposta sul reddito. Una richiesta che ha fatto scalpore, assieme a quella di abolire la tassa di solidarietà.

Nel 2004, Merz perse il suo laptop ad una fermata del taxi della stazione di Berlino. Fortunatamente per lui, un senza tetto lo ritrovò e lo consegnò al servizio federale di intelligence, Bundesgerenzschutz, lasciando l'indirizzo di un'associazione di aiuto per homeless come contatto. Qualche settimana dopo, il buon samaritano si ritrovò nella cassetta della posta... una copia del nuovo libro di Merz, autografata. Si intitolava Solo chi cambia sopravviverà. Dalla fine dell'illusione della prosperità, per porre le basi del nostro futuro.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.