Pence a Roma: Conte e Mattarella in pressing contro i dazi

Pence a Roma: Conte e Mattarella in pressing contro i dazi
Diritti d'autore AP
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il vice presidente americano ha incontrato il papa, al centro dei colloqui la difesa della vita e il MO. Poi si è recato al Quirinale e a palazzo Chigi, qui si è parlato di dazi e Libia.

PUBBLICITÀ

Donald Trump e il papa: lontani, diversi, spesso in rotta di collisione. Ma le elezioni negli Stati Uniti si avvicinano e Trump ha bisogno anche dei voti dei fan di Francesco. Dunque scaldare le relazioni è la missione per il vice presidente americano Mike Pence giunto questo venerdì a Roma e impegnato con il papa in un colloquio su Venezuela, medio oriente e molto di antiabortismo e difesa della vita

Tutto mentre il capo di Stato americano si prepara a partecipare, primo presidente nella storia d'America, alla marcia per la vita di Washington. 

Ma il tentativo di disgelo potrebbe essere offuscato dalla presentazione del piano di pace israelo-palestinese prevista alla casa bianca per martedì. Salvo sorprese saranno presenti il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il suo competitor Benny Gantz. Il piano americano infatti tende per Israele e sulla questione Washington e il Vaticano sono storicamente lontani. Forse non è un caso che Francesco abbia regalato a Pence un medaglione simbolo di pace.

Pence da Mattarella e Conte, che lo 'strigliano' sui dazi...

Dopo il Vaticano Pence si è recato verso i palazzi del potere temporale per incontrare il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il primo ministro Giuseppe Conte. Pence, anche qui non a caso, ha ringraziato Mattarella per la sua forte leadership. Al centro dei colloqui dazi, Libia e Iran. Roma, debole nella risoluzione della crisi libica, ha bisogno degli Stati Uniti per mantenere la fragile tregua nel Paese africano; per questo il ruolo di Washington, sponsor, anche se ora più timido, del generale Haftar, è fondamentale. 

Giuseppe Conte si è esposto in tempi di dazi e protezionismo, in difesa del made in Italy, sottolineandone la qualità. Il presidente della Repubblica ha puntato il dito contro le misure protezioniste "indeboliscono la solidità della NATO", ha detto. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Italia, comunità Lgbt critica il Vaticano per la condanna di maternità surrogata e gender

Caso Ilaria Salis, Mattarella al telefono con il padre: "Colpisce disparità di trattamento"

Fosse Ardeatine, 80 anni dall'eccidio nazista: cerimonia a Roma con il presidente Sergio Mattarella