ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: due casi accertati in Francia, i primi in Europa

euronews_icons_loading
Coronavirus: due casi accertati in Francia, i primi in Europa
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il nuovo ceppo di coronavirus, che ha già ucciso almeno 26 persone in Cina e ne ha contagiate centinaia, è arrivato in Europa. Due casi sono stati confermati in Francia, i primi ufficialmente identificati nel vecchio continente. Ad annunciarlo è stata la ministra della salute francese Agnes Buzyn. Un caso è stato registrato a Bordeaux, nel sud-ovest del Paese, l'altro a Parigi. Entrambe le persone rientravano da un viaggio in Cina. La Francia è uno di quei Paesi che hanno implementato negli ultimi giorni le procedure standard, per i potenziali pazienti.

Ce jeudi 23 janvier 2020, SOS Médecins Bordeaux a pris en charge un patient suspecté du coronavirus 2019-nCov Une...

Publiée par Sos Médecins sur Vendredi 24 janvier 2020

Un vaccino forse anche in un solo mese

Un possibile vaccino contro il coronavirus di nuovo conio potrebbe esser testato sull'uomo in tempi record, meno di tre mesi, rispetto ai 20 mesi del vaccino sperimentale per la Sars. Lo conferma uno dei massimi esperti nel mondo di immunologia, Anthony S. Fauci, direttore dell'Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive (Niaid) del National Institutes of Health (l'agenzia di controllo del governo degli Stati Uniti responsabile della ricerca e della salute pubblica). Eppure la stampa cinese in queste ultime ore ha declassato le informazioni su un'allerta generale ormai consolidata che comunque ha messo in quarantena la bellezza di 10 città del dragone.

Ma quali sono i sintomi veramente allarmanti?

"Se si accusano gravi sintomi respiratori, tosse, febbre, respiro corto e si è stati nella città di Wuhan negli ultimi 14 giorni o si hanno avuto contatti con qualcuno che è stato contagiato, ebbene tutte queste sono le situazioni che consentono di inquadrare la nuova infezione da coronavirus, non in altri casi": spiega l'immunologo europeo Pasi Penttinen dell'European Centre for Disease Prevention and Control.

Le dimensioni del contagio

Mentre in Italia si parla di un presunto secondo caso - non ancora confermato - di infezione a Parma, su una donna di ritorno da Wuhan, nelle capitali europee si resta in allerta. In Gran Bretagna sono al vaglio 14 casi sospetti.

In Cina i morti sono almeno 26 e i malati oltre 800. Le autorità sanitarie di Shanghai hanno innalzato il livello di risposta alle emergenze sanitarie al grado massimo, il livello 1. Va ricordato che Pechino sta rapidamente costruendo un ospedale da 1.000 posti letto, dedicato a pazienti infetti dal nuovo virus, si tratta di una struttura prefabbricata su un lotto di 25.000 metri quadrati che sarà operativa dai primi di febbraio.

The Paper via AP
Forze dell'ordine davanti alla stazione chiusa a Wuhan, CinaThe Paper via AP