ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Scopri i volti dei sopravvissuti all'olocausto

euronews_icons_loading
Scopri i volti dei sopravvissuti all'olocausto
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

"Survivors" i sopravvissuti. Obbiettivo di camera aperto sui volti di chi incarna l'ostinazione della vita di fronte al male assoluto. L'olocausto.Sono primi piani artistici messi in mostra per la prima volta a Essen, in Germania. Il fotografo è Martin Schöller. Ha incontrato i suoi soggetti in Israele, e li ha immortalati allo Yad Vashem, il memoriale della Shoah. Sono ormai tra gli ultimi testimoni diretti dell'orrore. volti degni, e dagli occhi illuminati. Tra di loro c'è Naftali Fürst, che ha lasciato Tel Aviv, per la Germania, proprio per la mostra, c'è anche la sua foto a dodici anni, settacinque anni fa.

Naftali Furst è un sopravvissuto dell'olocausto e dice: "lì, è quando venni fotografato durante la liberazione di Büchenwald. Ed ora, 75 anni dopo, fotografato da Martin Schöller. In Queste due foto ci sono 75 anni di differenza, ed il cerchio ora è chiuso".

La cancelliera Merkel, presente alla mostra ha dichiarato: "la gente qui immortalata ci fissa negli occhi, e parla attraverso lo sguardo. Cosa significa tirare avanti con ferite destinate a rimanere? Com'è possibile? Come fanno i sopravvissuti a portarsi testimoni di quello che hanno vissuto?

Sono volti di anziani, di gente che pur passando attraverso la falciatrice meccanica del genocidio programmato, ce l'ha fatta a sopravvivere, raggiungendo un'età ragguardevole. L'mmagine della vecchiaia quindi diventa il ritratto della vita. "Memorial Project" è al Centro culturale della miniera Zollverein a Essen. L'occasione è il settancinquesimo anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Durata prevista fino ad aprile, poi farà il giro del mondo