ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spagna: agenti della Polizia catalana a processo

euronews_icons_loading
Spagna: agenti della Polizia catalana a processo
Diritti d'autore
.
Dimensioni di testo Aa Aa

L'accusa di ribellione, se confermata dall'Audiencia National, può valere 11 anni di carcere. Tanti ne hanno chiesti i procuratori spagnoli: la peggiore delle ipotesi per i Mossos d'Esquadra, gli agenti della polizia catalana a processo per i fatti che seguirono il referendum sull'indipendenza in Catalogna, vietato da Madrid, dell'ottobre 2017.

L'accusa contro i Mossos: "Sono stati passivi e non hanno impedito il referendum separatista"

Secondo l'accusa. i Mossos guidati dall'ex maggiore, Josep Lluis Trapero, hanno dimostrato "totale passività" nei confronti di manifestanti mentre la polizia nazionale spagnola operava una violenta repressione. Il processo, iniziato a Madrid e che dovrebbe durare sino a marzo, arriva tre mesi dopo il pronunciamento della Corte Suprema spagnola, che ha condannato i nove leader separatisti catalani a lunghe pene detentive.

La difesa degli agenti della Polizia catalana

In quell'occasione Trapero era stato chiamato a deporre e aveva dichiarato che gli ordini erano quelli di impedire il referendum senza usare la forza. Aveva anche sostenuto l'esistenza di un dispositivo per arrestare l’allora presidente della Generalitat, Carles Puigdemont «se i giudici lo avessero ordinato».

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.