EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Clima: COP25, la prima giornata

Clima: COP25, la prima giornata
Diritti d'autore 
Di Luca Colantoni
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Archiviata la prima giornata della COP25, la conferenza annuale organizzata dall'ONU e che ha come tema i cambiamenti climatici. Obiettivo comune rispettare gli obiettivi fissati dal summit di Parigi.

PUBBLICITÀ

Archiviata la prima giornata della COP25, la conferenza annuale organizzata dall'ONU e che ha come tema i cambiamenti climatici. Obiettivo comune rispettare gli obiettivi fissati dal summit di Parigi.

** António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite:
**"Entro la fine del prossimo decennio, saremo su uno dei due percorsi. Uno è quello della resa in cui abbiamo camminato, dormendo, oltre il punto di non ritorno. L'altra opzione è il percorso della speranza, un percorso di risoluzione, di soluzioni sostenibili, un percorso in cui più combustibili fossili rimangono dove dovrebbero essere, nel terreno".

Sull'argomento l'Organizzazione meteorologica mondiale ha affermato che le concentrazioni di gas a effetto serra sono aumentate di nuovo lo scorso anno raggiungendo un nuovo record. La conferenza servirà anche a indurre il nuovo presidente del Consiglio dell'Unione Europea a insistere affinché l'Europa possa unirsi su ciò che definisce la priorità numero uno.

**Charles Michel, Presidente Consiglio UE
**"Abbiamo fatto molti progressi, alcuni abbastanza buoni negli ultimi mesi. Se li confrontiamo con uno o due anni fa. Al momento molti leader sono a favore di maggiori ambizioni per quanto riguarda i cambiamenti climatici. Ma è vero che dobbiamo prendere in considerazione i diversi punti di partenza nei diversi paesi ".

Dall'altra parte dell'Atlantico - nonostante il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo di Parigi - altri politici di spicco insistono sul fatto che si stanno facendo delle cose sull'argomento ambiente. Anche delegati considerati "veterani" sembrano sperare che gli atteggiamenti di molti nei confronti del clima stiano cambiando.

**Remi Parmentier, Direttore Varda Group
**"Penso che le persone vedano i cambiamenti climatici che stanno accadendo. Lo vedono nella loro vita quotidiana e non è più qualcosa per il futuro, per i nostri figli o nipoti. Penso che la mobilitazione sia in aumento, sia reale e la gente richieda un'azione reale "Come afferma la presidenza della COP quest'anno, è tempo di agire".

Per i circa 20.000 delegati di quest'anno della COP25 si tratta di stabilire il tono in vista del sostanziale incontro in Scozia del prossimo anno - ma si tratta anche di accumulare pressione, in quei paesi che si rifiutano di ridurre le loro emissioni di carbonio. 

Questi paesi hanno due settimane di tempo per cercare di cambiare idea, ma tra gli avvertimenti e i colloqui, il successo qui a Madrid potrebbe essere misurato semplicemente evitando ulteriori divisioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Decreto clima: la svolta ecologista del governo spacca l'Italia in due

Ambiente: l'Unione Europea è lontana dagli obiettivi climatici del 2030

Canarie: proteste sulle isole contro il turismo di massa