EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Terremoto Albania, gli aiuti per gli sfollati

Terremoto Albania, gli aiuti per gli sfollati
Diritti d'autore REUTERS/Florion Goga
Diritti d'autore REUTERS/Florion Goga
Di Luca Colantoni
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Mentre cresce il bilancio delle vittime del terremoto e si lavora alla ricerca di altri superstiti, l'Albania deve far fronte alle emergenze. La prima riguarda gli sfollati.

PUBBLICITÀ

Mentre cresce il bilancio delle vittime del terremoto e si lavora alla ricerca di altri superstiti, l'Albania deve far fronte alle emergenze. La prima riguarda gli sfollati. A Durazzo, nei pressi dell'epicentro del sisma, sono circa tremila le persone la cui casa è crollata o dichiarata inagibile.

**ILVA TARE, EURONEWS ALBANIA
**"Qui allo stadio Niko Dovana di Durazzo è stata allestita una tendopoli in grado di ospitare circa 2000 persone. Molte di queste sono spaesate, ho parlato con una famiglia con dei bambini che non riuscivano a capire cosa stesse accadendo".

Gli aiuti sono arrivati immediatamente da piu' parti d'Europa. La sistemazione degli sfollati è coordinata dalla Croce Rossa Albanese.

**FATOS XHENGO, CROCE ROSSA ALBANIA
**"C'è un po 'di caos, questo è innegabile. In termini di aiuto della popolazione abbiamo fatto il possibile nell'immediato grazie anche all'intervento di diverse istituzioni governative e ONG che stanno tutt'ora arrivando a dare una mano."

Il Primo Ministro Albanese Edi Rama ha decretato lo stato di emergenza e una giornata di lutto cittadino. I primi ad arrivare sul posto, sono state le squadre specializzate dei vigili del fuoco di Kosovo e Italia. Continuano, seppur di minore intensità, le scosse di assestamento.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parola d'ordine in Albania: solidarietà internazionale

Migranti, i centri in Albania saranno pronti solo in autunno

I Balcani occidentali guardano all'adesione all'Ue e accelerano la cooperazione regionale