EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Elezioni spagnole, in Catalogna la maggioranza vota per partiti non indipendentisti

Elezioni spagnole, in Catalogna la maggioranza vota per partiti non indipendentisti
Diritti d'autore Coda al seggio a Barcellona - REUTERS/Albert Gea
Diritti d'autore Coda al seggio a Barcellona - REUTERS/Albert Gea
Di Lillo Montalto Monella
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Nonostante Puigdemont dica che a Barcellona e dintorni abbia vinto l'indipendentismo, la maggioranza dei catalani ha dato il suo voto a partiti che la secessione non la vogliono. Perfino a Vox, per intenderci.

PUBBLICITÀ

Nonostante i disordini seguiti alla sentenza della Corte suprema contro i leader secessionisti, la polarizzazione della questione catalana non ha premiato i partiti indipendentisti della regione autonoma. Anzi: se guardiamo ai voti totali, le formazioni che vorrebbero un distacco di Barcellona da Madrid hanno ottenuto meno consensi rispetto a quelle "unioniste". Contrariamente a quanto ha affermato a caldo Puigdemont.

I partiti indipendentisti catalani hanno infatti portato a casa 23 dei 48 seggi che la regione vanta al Congresso, contro i 25 totali delle varie formazioni - da destra a sinistra -che l'indipendenza non la vogliono.

In milioni di voti, fanno 2.1 milioni di preferenze per le formazioni anti-secessione contro 1.6 milioni di preferenze per le formazioni pro-secessione.

Ciononostante, in termini assoluti, i voti per l'indipendentismo sono cresciuti di oltre centomila unità e Erc-Sobiranistes (quello di Junqueras, per intenderci) è il primo partito.

Il miglior risultato di sempre dell'indipendentismo al Congresso di Madrid include anche le buone performance dei due partiti baschi, Partito Nazionalista Basco PNV e Euskal Herria Bildu.

Come ha sottolineato il presidente della Generalitat, Quim Torra, "non si può governare la Spagna senza ascoltare la Catalogna". I 23 scranni che portano in dote Cup, JxCat-Junts e ERC potrebbero risultare decisivi durante le trattative di coalizione.

Gli indipendentisti radicali e anticapitalisti della Cup, presentatisi per la prima volta ad una consultazione nazionale, entrano per la prima volta al parlamento di Madrid. Per la prima volta, Vox - partito di estrema destra fortemente nazionalista, che vorrebbe revocare l'autonomia della Catalogna - porta in Congresso due deputati eletti proprio nel fortino indipendentista, raddoppiando il risultato di aprile.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: nessuna clemenza per Junqueras, la giustizia non fa sconti all'indipendentismo catalano

Barcellona, proteste alla stazione principale tra sit-in e tensioni

Catalani "on the road": Gendarmerie, Guardia Civil e Mossos schierati contro gli attivisti