EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Pugni chiusi e discorsi anti-imperialisti, feeling Maduro-Canel

Pugni chiusi e discorsi anti-imperialisti, feeling Maduro-Canel
Diritti d'autore 
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il presidente venezuelano a sorpresa al forum anti-imperialista di Cuba, sostiene il presidente dell'isola e attacca l'omologo del Salvador davanti a 1200 ospiti.

PUBBLICITÀ

Pugni chiusi e un linguaggio del secolo scorso, che oramai è raro sentire contro gli yankees contro gli Stati Uniti e il loro imperialismo. 

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha partecipato a sorpresa all'incontro di solidarietà per la democrazia e contro il neoliberalismo tenutosi a Cuba

Per uno dei leader più contestati e isolati del momento è stata l'occasione per scagliarsi, davanti a un pubblico di 1200 persone, contro il presidente salvadoreño Nayib Bukele che lo scorso sabato ha ordinato l'espulsione dei diplomatici venezuelani dal suo Paese. Lo ha chiamato traditore e soldato dell'imperialismo.

Bukele ha risposto via twitter che Maduro ha parlato di un presidente eletto democraticamente, a diversamente da lui. 

Accanto a Maduro il presidente cubano Miguel Díaz-Canel, padrone di casa, leader di un Paese amico del Venezuela. A chiusura del forum anti-imperialista i due leader si sono felicitati per la vittoria delle sinistre in Messico ed Argentina, prospettando un nuovo futuro per la il fronte progressista sudamericano e chiamando alla mobilitazione contro gli Stati Uniti il prossimo 16 novembre con manifestazioni fuori le ambasciate americane nel mondo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi in Venezuela: i paesi limitrofi chiedono aiuti internazionali

Cuba, in centinaia in fila per salire a bordo della fregata russa in visita a L'Avana

Russia, a Cuba sottomarino nucleare e navi: prova di forza di Putin per aiuti Usa all'Ucraina