Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Proteste a Mosca: l'attore Pavel Ustinov condannato a 3 anni e mezzo di carcere

Pavel Ustinov, ammanettato, attende la sentenza. Sarà dura: 3 anni e mezzo di carcere.
Pavel Ustinov, ammanettato, attende la sentenza. Sarà dura: 3 anni e mezzo di carcere. -
Diritti d'autore
REUTERS/Evgenia Novozhenina
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

MOSCA (RUSSIA) - Pavel Ustinov condannato a 3 anni e mezzo di carcere.

La Corte Distrettuale di Tverskoy, a Mosca, ha condannato il 23enne attore per aver usato violenza contro un poliziotto, slogandogli una spalla, durante una delle recenti manifestazioni per le strade della capitale russa, lo scorso 3 agosto, giorno in cui sono stati arrestati oltre 600 dimostranti.

Un video, apparso su Youtube, sembra, però, avvalorare la tesi del pestaggio dei poliziotti ai danni di Ustinov, avvenuto in piazza Pushkin.

Il Tribunale ha stabilito che Ustinov era tra gli attivisti che hanno resistito quando la polizia lo ha arrestato, provocando la slogatura di una spalla ad un agente di polizia.

Pavel Ustinov ha negato di aver partecipato alla protesta e ha dichiarato di trovarsi alla manifestazione per caso, aspettando un amico vicino ad una stazione della metropolitana, quando è stato inseguito e aggredito dai poliziotti.

il caso ha suscitato un certo clamore in Russia.
Davanti al tribunale, L'avvocato di Ustinov dichiara:

"Sulla base del video che è stato allegato al fascicolo, è chiaramente visibile che nessun poliziotto si contorce dal dolore, una ferita alla spalla non si nota affatto, le mani di tutti i poliziotti funzionano bene nel picchiare il mio cliente".
Dmitry Cheskhov
Avvocato di Pavel Ustinov
Dmitry Cheskhov è l'avvocato di Pavel Ustinov.

Ustinov è il sesto condannato dopo le manifestazioni che hanno preceduto le elezioni comunali di Mosca, nelle quali il partito del Presidente Vladimir Putin, Russia Unita, ha perso un terzo dei seggi, pur mantenendo la maggioranza.

La sorella di Ustinov, Yulia, ha dichiarato al quotidiano russo "Meduza" che il fratello non è interessato alla politica e che svolto prestato servizio di leva proprio in polizia, prima di lasciare il paese meno di un anno fa.

Ustinov ha studiato recitazione e ha interpretato piccoli ruoli in alcuni film russi.

Konstantin Raikin, direttore del Satirikon Theater e uno degli attori russi più celebri, ha definito il caso di Ustinov un "malinteso che potrebbe avere una tragica fine".

The "Memorial Human Rights Group" ha dichiarato Ustinov prigioniero politico.

Le proteste contro l'esclusione dei candidati dell'opposizione dalle elezioni sono state le più massicce - fino a 60.000 persone ad ogni manifestazione - in Russia dai tempi della cosiddetta "Rivoluzione Bianca", dopo presunti brogli alle elezioni parlamentari del dicembre 2011.

Pavel Ustinov attende la sentenza.