Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Fausto Coppi: i 100 anni del "Campionissimo"

Fausto Coppi in maglia iridata.
Fausto Coppi in maglia iridata.
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Fausto Coppi, il Campionissimo, l'Airone, uno dei più grandi ciclisti di tutti i tempi, compirerebbe 100 anni il 15 settembre.

Un simbolo italiano

Nato nel 1919 a Castellania, in provincia di Alessandria, Coppi è da sempre un simbolo dello sport italiano, ma anche della rinascita del nostro paese dopo la Seconda Guerra Mondiale - a cui Fausto sacrificò parecchi anni della carriera - e di un certo stile di vita nell'Italia del Dopoguerra che stava cambiando.

Le vittorie, la prigionia, le tragedie, gli amori, la rivalità

Ma soprattutto, è stato un grande campione.
L'albo d'oro parla chiaro: 5 Giri d'Italia (1940-47-49-52-53), 2 Tour de France (1949-52), 5 Giri di Lombardia, 3 Milano-Ssanremo, un Campionato del Mondo, il record dell'ora su pista e un'infinità di altre vittorie.

In mezzo, la Guerra, la prigionia, la tragedia del fratello Serse, l'amore per la *Dama Bianca*, la rivalità - strumentalizzata anche politicamente - con Gino Bartali.

Fino alla morte prematura, ad appena 40 anni.

Bartali, Coppi, la borraccia: una foto icona.
"Era un uomo vero, semplice, sincero, uno che ha sofferto.
E forse la gente lo ha capito".
Faustino Coppi
figlio di Fausto Coppi
Faustino Coppi.

il "percorso storico" Caserta-Castellania

Caserta è la città dove Fausto, dopo la prigionia in Tunisia e in Algeria, era stato trasferito nel febbraio del '45 come attendente del colonnello inglese Towell.
A guerra finita, Coppi era partito in bici da Caserta il 30 aprile e, un po' pedalando e un po' grazie a passaggi di fortuna in automobile, aveva risalito la penisola semidistrutta, giungendo al suo paese nel pomeriggio di sabato 5 maggio.
Poco prima di arrivare a casa, aveva fatto una sosta a Villalvernia per salutare la fidanzata Bruna, che non vedeva da due anni e mezzo e che avrebbe sposato il 22 novembre di quello stesso anno.

La gente lo ama ancora, come prima, come sempre.
Come quei cicloamatori che - tutti gli anni a settembre - partono proprio da Caserta per arrivare a Castellania, ripercorrendo il "percorso storico" compiuto dal Campionissimo per tornare a casa.

800 km.
Semplicemente nel nome di Fausto Coppi.