EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

UK, la Camera dei Lord approva la legge anti no-deal. Johnson ai ferri corti

UK, la Camera dei Lord approva la legge anti no-deal. Johnson ai ferri corti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Voglio dire.. è il paradosso per antonomasia, mai nella storia è accaduto che sia stata data l'opportunità di andare al voto a un partito di opposizione e sia stata buttata via. Se posso dirlo, penso che stiano facendo un errore politico enorme" ha commentato Johnson.

PUBBLICITÀ

Approvata dalla Camera dei Lord, la camera alta del Parlamento britannico, la legge per obbligare il primo ministro Boris Johnson a chiedere una proroga su Brexit.

Legge che sarà applicata se entro il prossimo Consiglio Europeo, del 17 ottobre, non avrà ottenuto un nuovo accordo dall’UE, oppure se il Parlamento non avrà ratificato l’accordo negoziato dal governo precedente. Ora non resta che il suggello della firma della Regina e il successivo deposito a Westminster, previsto per lunedì.

Ascolta e leggi anche ➡️ l'intervista a Jean-Claude Trichet ex presidente BCE

S'inasprisce così lo scontro nel Rego Unito sulla Brexit e si moltiplicano gli ostacoli sul cammino di Boris Johnson che continua a fare muro e a percorrere il Paese per convincere gli indecisi: oggi era a Leeds tra i pescatori, da dove ha ribadito la sua posizione sul voto anticipato.

Il governo ha annunciato poi proprio per lunedì 9 settembre, una seconda mozione per lo scioglimento della Camera, dopo il flop della prima. Ma la trincea del no è pronta a far mancare di nuovo il quorum richiesto dei due terzi dei deputati.

Approfondisci con ➡️ la notizia sulla decisione della corte di Edimburgo

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brexit, l’Alta Corte britannica: sospendere il Parlamento è legale

Boris Johson si lancia nel primo vero comizio dallo Yorkshire: "meglio morto in un fosso" che l'UE

Il tribunale di Londra ha deciso: Assange può appellarsi contro l'estradizione negli Stati Uniti