EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Uniti contro la Brexit

Uniti contro la Brexit
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Patto delle opposizioni contro una Brexit senza accordo. Jeremy Corbyn punta a governo ad interim o nuove elezioni

PUBBLICITÀ

Uniti contro la crisi fu una coalizione antiberlusconiana della Fiom nat nel 2010 e morta poco dopo. Quello che invece le opposizioni britanniche stanno cercando di fare è un'unione contro Boris Johnson e l'ipotesi di una Brexit senz'accordo che sarebbe devastante per l'Europa, mma anche per il Regno Unito.

Per questo i partiti all'opposizione hanno firmato un patto unitario, cosa più unica che rara a Londra. Spiega il laburista Jeremy Corbyn: "La priorità è evitare di uscire senza accordo perché questo danneggerebbe chi lavora, la nostra economia e i nostri rapporti con il resto del mondo".

Due le opzioni: un voto di sfiducia per cercare di abbattere l'esecutivo di Boris Johnson e Corbyn potrebbe diventare premier ad interim fino ad elezioni, con un peso specifico diverso per chiedere un secondo referendum, ma Corbyn fuori del partito, è considerato troppo a sinistra.

L'opzione due è proposta dai liberaldemocratici. Così la leader: "Vogliamo usare le opzioni per estendere l'articolo 50 ci saranno altre riunioni per analizzare i vari scenari possibili".

L'articolo 50 del trattato di Lisbona è formato da 5 paragrafi. Afferma che il Consiglio europeo può decidere di prorogare il termine dii uscita e che qualsiasi paese uscito dall’UE possa chiedere di rientrarvi.

Articolo 50 trattato Lisbona

Su queste basi continua Corbyn: "Il parlamento deve rappresentare gli interessi della gente e assicurare che non si commettano disastri e che tutto proceda nel migliore di modi".

Dall'altro lato della barricata Boris Johnson vorrebbe rinegoziare i termini dell'uscita, ma insiste sul fatto che Londra lascerà l'Unione il 31 ottobre con o senza accordo e che potrebbe non pagare i debiti contratti con Bruxelles.

Tutto si deciderà al rientro delle vacanze, la settimana prossima, una settimana che si annnuncia particolarmente calda a Westminster.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europee, ultimo sondaggio prima del voto: il Parlamento vira a destra, ma la maggioranza è incerta

Elezioni europee, Procaccini: "La prossima Commissione sarà di centrodestra"

Spagna riconosce lo Stato di Palestina, le reazioni a Madrid