ULTIM'ORA

Indonesia: crescono le proteste nella Papua Occidentale

Indonesia: crescono le proteste nella Papua Occidentale
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Quarto giorno di proteste intorno nella provincia indonesiana della Papua occidentale: le manifestazioni continuano a diffondersi a macchia d'olio, mentre Giacarta schieratruppe aggiuntive per 1200 unità, interrompendo l'accesso ad internet per impedire che postprovocatori alimentino la violenza.

Le proteste sono scoppiate il 19 agosto scorso, in seguito ad insulti, vessazioni ed arresto precedentemente subiti nel Giorno dell'Indipendenza da alcuni studenti di etnia papuana a Surabaya e Malang, sull’isola di Giava, accusati di aver scaraventato in una fogna la bandiera indonesiana, addebito peraltro negato dai diretti interessati.

I manifestanti hanno dato alle fiamme edifici governativi, esercizi commercialii, un mercato ed una prigione: proprio da quest'ultimo sito, 258 detenuti sono fuggiti e solo cinque di loro sono stati ripresi.

Nel frattempo, le proteste sono arrivate anche nella città di Timika e in altre aree della regione, colonia olandese sino al 1962, allorquando l’Indonesia assunse il controllo del territorio, consolidando il proprio Governo a seguito di un discusso referendum.

West Papuans march for freedom and against racism

Today across West Papua, thousands of people marched against Indonesia's systematic racism after West Papuan students were tortured and called "monkeys" by Indonesian forces in Surabaya. In this video, thousands of West Papuan people can be seen rallying in the capital city Port Numbay (Jayapura) and demanding a freedom and a referendum on independence. More info here: https://www.theguardian.com/world/2019/aug/19/protesters-set-fire-to-parliament-building-in-west-papua-as-tensions-mount #Papua #PapuaBukanMonyet #FreeWestPapua #ReferendumYes #PapuaMerdeka #WestPapua

Publiée par Free West Papua Campaign sur Lundi 19 août 2019
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.