ULTIM'ORA

Austria: Fpö vuol risalire la china dopo gli scandali

Austria: Fpö vuol risalire la china dopo gli scandali
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

L’estrema destra austriaca puntava a mettere le mani sul gioco d’azzardo. Su questo indagano le autorità che questo lunedì hanno perquisito le case dell’ex vice-cancelliere austriaco Heinz-Christian Strache e del suo numero due Johann Gudenus, le stesse persone coinvolte nell’Ibiza-gate che ha provocato la caduta del governo Kurz. L’ex leader del partito di estrema destra Fpö, il suo braccio destro e altre 4 persone sono accusate di corruzione dalla procura di Vienna.

Il partito sovranista ha quindi dovuto correre ai ripari rivoluzionando il proprio direttorio con Norbert Hofer come nuovo leader, dopo che il vecchio segretario Strache si era fatto riprendere sull'isola spagnola a promettere favori a giganti del gioco azzardo ad una affascinante e fasulla interlocutrice russa che aveva millantato di poter finanziare il partito. Quella conversazione, filmata, ha provocato nel 2017 un terremoto politico. Oggi lo Fpö è convinta di riprovarci e di risalire la china. Hofer sa che il suo predecessore ha sbagliato, ma dice che ha fatto molte cose buone per il partito nel passato.

I temi della pressione migratoria però sono tornati a fare i titoli dei giornali e Hofer torna a cavalcarli tanto da spingerlo a rivolgersi alla magistratura chiedendo di far presto per arrivare a sentenza.

Lo Fpö alle ultime elezioni europee è crollata a poco più del 17%

Adesso una nuova indagine aumenta la fragilità del fronte di estrema destra alla vigilia delle elezioni politiche anticipate al 29 settembre. Lo Fpö sembra però aver abbandonato Strache al suo destino e cerca di smarcarsi dai messsaggi estremisti per ingraziarsi il centro. Il luogo politico dove, anche in Austria, si vincono le elezioni. Hofer è la persona incaricata di questa missione impossibile.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.