Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Inghilterra: campagna contro crimini da coltello bollata come "razzista"

Inghilterra: campagna contro crimini da coltello bollata come "razzista"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Doveva essere un'operazione socialmente utile, ma si sta trasformando in un autentico boomerang comunicativo. Accade in Regno Unito, dove una campagna del Ministero degli Interni che puntava a sensibilizzare la popolazione circa l'impennata di crimini violenti attraverso messaggi veicolati dalle scatole di pollo fritto da asporto è stati giudicata "ignorante" e "offensiva".

L'operazione prevede la distribuzione di 321.000 scatole di pollo in 210 punti vendita tra cui Morley's, Chicken Cottage e Dixy Chicken in Inghilterra e Galles esibiscano il logo della campagna #Knifefree Home Office. Knife free, in questo caso, indica l'opposizione ai crimini da coltello, mentre Home office è la denominazione utilizzata per il Ministero dell'interno.

L'interno di ogni scatola contiene storie di persone che si sono lasciate alle spalle vicende di criminalità che avevano implicato l'utilizzo di coltelli.

Tuttavia, i critici dicono che la campagna si basa su uno stereotipo razziale - nato negli Usa, dove il piatto è associato alla tradizione della cosiddetta Soul Kitchen, ma molto diffuso anche in Inghilterra - che associa il consumo di pollo fritto a giovani di colore e minoranze etniche provenienti perlopiù da america centrale, caraibi e america latina. La stessa BBC ha suggerito che la campagna contenesse implicazioni razziste.

Il ministro degli Interni Kit Malthouse ha detto, in proposito: "Queste scatole di pollo porteranno a casa di migliaia di giovani le tragiche conseguenze del possedere un coltello e sfideranno l'idea che ciò possa renderti più sicuro". Ha inoltre aggiunto: "Il governo sta facendo tutto il possibile per affrontare l'insensata violenza che sta traumatizzando le comunità e uccidendo troppe giovani vite, compreso rafforzare le fila della polizia con 20.000 nuovi agenti di polizia per le nostre strade".

L'amministratore delegato di Morley, Shan Selvendran, ha dichiarato che l'azienda è "orgogliosa" di sostenere la campagna. "Siamo rattristati dal recente aumento dei crimini con i coltelli" ha detto. "Vogliamo promuovere uno stop ai coltelli utilizzando scatole di pollo personalizzate per veicolare il messaggio e avviare conversazioni tra tutti i nostri clienti".

l Ministero non ha detto dove distribuirà le scatole di pollo, ma una mappa di Morley, Chicken Cottage e Dixy Chicken mostra che sono concentrati perlopioù nei grandi centri urbani.

Cosa dicono i critici?

Il ministro dell'Interno ombra Diane Abbott ha twittato che l'Home Office ha "optato per l'ennesima campagna grezza, offensiva e probabilmente costosa".

"Farebbero meglio a investire nelle nostre comunità, non a demonizzarle". ha aggiunto.

Il deputato laburista David Lammy ha scritto: "È uno scherzo?! Perché avete scelto i negozi di pollo? Che cosa c'è dopo, angurie knifefree?" riferendosi a un altro stereotipo, anch'esso nato negli States, che vede gli afroamericani come ghiotti d'anguria.

La giornalista BBC Yasmin Evans si è chiesta perché il Ministero degli Interni abbia stabilito una correlazione tra crimini da coltello e il pollo fritto. "Per favore, qualcuno mi spieghi perché non dovrei vederci del razzismo. Infatti, no. Ditemi che ho RAGIONE ad averlo visto".

Elijah Quashie, l'adolescente che è diventato famoso per le sue recensioni del negozio di pollo su YouTube, ha detto che la campagna è "basata su presupposti stereotipati e ignoranti". "Qualcuno preparato ad usare un coltello per uccidere - ha scritto - non sarà certo influenzato da una scatola di pollo. Oltre a questo, i negozi di pollo non sono il ritrovo segreto di chi porta un coltello. Credo che i loro sforzi sarebbero meglio spesi nell'offrire maggiori opportunità ai giovani delle zone a basso reddito. Dovrebbero cercare di risolvere il problema e smettere di curare male i sintomi".

Lo scrittore e poeta JJ Bola ha twittato:

Il rapper britannico Big Narstie ha tratto una conclusione più tranchant, dicendo che la campagna era totalmente "fott*ta".

Perché il Ministero degli Interni ha scelto i negozi di pollo?

Secondo il Ministero degli Interni, le scatole sono state introdotte a livello nazionale dopo la loro partnership "di successo" con la Morley's all'inizio di quest'anno, dove 20mila scatole di pollo sono state distribuite in 15 filiali.

Dicono che la campagna è focalizzata sulla riduzione dei crimine da coltello, cercando di alterare gli atteggiamenti dei giovani dai 10 ai 21 anni, attraverso l'incoraggiamento verso attività positive esemplificate all'interno delle scatole.

Il loro ragionamento per la scelta dei negozi, dicono, deriva da "una ricerca di ACMS che ha dimostrato come il 67% dei clienti ha un'età compresa tra i 16-24 anni, quindi questo ci permetterebbe di raggiungere efficacemente i giovani come parte della nostra più ampia campagna #knifefree".

La campagna è rivolta al giusto target demografico?

SI

  • A Londra, i giovani, in generale, tendono ad essere i principali responsabili e le vittime della criminalità con i coltelli. Dal 2014 è aumentata anche la "popolazione vulnerabile", vale a dire i bambini in custodia, i bambini esclusi dalla scuola e i senzatetto.
  • I crimini tendono a verificarsi più spesso nelle grandi città, come Londra, dove, per ogni 100.000 persone, 169 erano collegate al crimine dei coltelli.

NO

  • In Inghilterra e nel Galles, le forze di polizia hanno registrato una crescita della violenza grave, non solo nelle grandi città come Londra e Manchester.
  • Nel 2019, 1 persona su 5 ammonita o condannata per aver portato un coltello aveva meno di 18 anni. Ciò significa che la maggioranza erano adulti, non giovani.

Da dove viene lo stereotipo del pollo fritto?

Lo stereotipo razziale ha origine negli Stati Uniti: il primo utilizzo su larga scala risale al 1915, con il film "The Birth of a Nation" di D. W. Griffith.

La pellicola è in parte finzione e in parte storia: si parla dell'assassinio di Abraham Lincoln e della guerra civile. Per quanto epico il film sia considerato in termini cinematografici, è probabilmente senza pari nella controversa rappresentazione degli uomini del Ku Klux Klan (KKK) come eroi e, specularmente, degli uomini neri (molti dei quali, nel solco della tradizione Minstrel, sono stati ritratti da attori bianchi con la faccia dipinta di nero) come ignoranti e sessualmente aggressivi nei confronti delle donne bianche.

In questa scena, si possono vedere politici neri che bevono, a piedi nudi e mangiano pollo fritto.

Già nel 2011, un ristorante della catena KFC, in Cina, era stato criticato per aver usato come mascotte l'ex presidente afroamericano Barack Obama.