EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La bonifica di Notre Dame e dintorni

La bonifica di Notre Dame e dintorni
Diritti d'autore 
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo il riscontro di percentuali allarmanti di piombo le autorità francesi hanno messo in atto una bonifica di tutta l'area attorno alla cattedrale parigina di Notre Dame, andata a fuoco in aprile

PUBBLICITÀ

Riparte la bonifica della cattedrale di Notre Dame e dintorni a Parigi dopo che l'incendio del 15 aprile scorso ha distribuito residui della combustione di centinaia di tonnellate di piombo presenti nelle architetture del monumento.

La decontaminazione delle scuole

La settimana scorsa alcune squadre avevano proceduto alla decontaminazione delle scuole del circondario viste le percentuali di piombo al di sopra dei limiti di sicurezza rintracciate nel sangue dei bambini che vivono nelle adicenze di Notre Dame.

Getti ad alta pressione e diffusione di uno speciale gel

I lavori di rimozione del piombo nella stessa cattedrale riprenderanno in forze la settimana prossima con procedure di sicurezza molto rigorose dopo che le autorità le avevano sospese su invito degli ispettori del lavoro a causa dei possibili rischi sanitari per gli operai. Le procedure oltre al lavaggio ad alta presione preveddono la diffusione di un gel.

Le quantità di piombo

Dalle 300 a 400 tonnellate è la quantità di piombo che era contenuta nel tetto e nella guglia della cattedrale incendiata. Da tempo le associazioni si dicono preoccupate per la presenza di questo metallo particolarmente tossico dentro e intorno all’edificio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Notre Dame: ecco la tabella dei lavori, ma la cattedrale "è ancora a rischio"

Proteste pro-Gaza: le università si mobilitano in numerose città di tutto il mondo

Parigi: la polizia sgombera un'altra tendopoli di migranti vicino al municipio, protestano le Ong