Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Portogallo: proteste contro la destra nel paese meno di destra d'Europa

"Mai più fascismo".
"Mai più fascismo".
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

LISBONA (PORTOGALLO) - Proteste contro l'estrema destra nel paese meno di destra d'Europa, il Portogallo.

Diversi membri di gruppi di estrema destra provenienti da tutta Europa si sono riuniti sabato a Lisbona, spingendo centinaia di attivisti a protestare per le strade contro il fascismo.

Organizzata dal movimento portoghese di estrema destra "Nova Ordem Social", la conferenza ha riunito 65 esponenti dell'estrema destra europea, tra cui i tedeschi di "Die Rechte", i francesi del "Parti Nationaliste Francais" e gli italiani di "Autonomia Nazionale".

REUTERS/Rafael Marchante
Un momento della conferenza di Lisbona: Francesca Rizzi (Autonomia Nazionale) e Mario Machado (Nova Ordem Social).REUTERS/Rafael Marchante

A margine della conferenza, Mario Machado, leader di Nova Ordem Social, ha dichiarato che il movimento di estrema destra si è diffuso in tutta Europa, tranne che in Portogallo.

"Non vogliamo essere fuori da un movimento internazionale in atto in tutta Europa", ha detto Machado.

"Rispettiamo le proteste degli antifascisti, pensiamo che dovrebbero farle sempre, perché è molto utile dare visibilità alla nostra conferenza.
Vorremmo che ogni volta che organizziamo un evento, loro uscissero e protestassero. Sarebbe molto positivo.
Ma crediamo davvero nella libertà di parola".
Mario Machado
Leader Nova Ordem Social
Mario Machado, leader di Nova Ordem Social.

Machado è stato rilasciato dal carcere nel 2017 dopo aver trascorso un decennio dietro le sbarre per vari crimini, tra cui discriminazione razziale e possesso di armi illegali.

L'Europa di ultra-destra

Oltre a Machado, all'incontro di Lisbona erano presenti, tra gli altri, anche Josele Sanchez (La Tribuna de España – Spagna), Adrianna Gasiorek (Narodowo – Radykalny Obóz- Polonia), Blagovest Asenov (National Resistence – Bulgaria), Francesca Rizzi (Autonomia Nazionalista – Italia), Mattias Deyda (Die Rechte – Germania) e Yvan Benedtti Œuvre française – Francia).

Il Portogallo è uno dei soli quattro paesi in Europa senza un partito politico di estrema destra in Parlamento.
Il PNR, partito di estrema destra portoghese, alle ultime elezioni del 2015 ha ottenuto appena lo 0,50%.

L’estrema destra lusitana si è mostrata fino ad adesso debole e litigiosa. Molto schematicamente due sono i macro-gruppi: l’area più mainstream – Chega (1,5% alle scorse elezioni europee), Aliança (2%) e per certi aspetti Iniciativa Liberal – e i neo-para-proto fascisti.

"Non dovrebbe essere permesso che queste conferenze, dove si incontrano nuovi movimenti razzisti e fascisti di diversi paesi, si svolgano nel nostro paese.
Dal nostro punto di vista, ciò non dovrebbe essere permesso e lo abbiamo dimostrato con questa manifestazione".
Isabel Pires
Avvocata Diritti Umani

Il governo portoghese, guidato dal primo ministro Antonio Costa, è stato pesantemente criticato dagli organizzatori della protesta per aver permesso che si svolgesse la conferenza dell'estrema destra.

L'avvocata Isabel Pires durante l'intervista per le strade di Lisbona.