Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Kirghizistan: arrestato l'ex presidente

Kirghizistan: arrestato l'ex presidente
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa
Reuters
Sooronbai JeenbekovReuters

E' stato arrestato al secondo tentativo l'ex presidente del Kirghizistan Almazbek Atambayev. Il primo assalto delle forze speciali è stato respinto dai suoi sostenitori e quindi ora Atambayev sarà trattato come sospetto di crimine grave, dice l'attuale presidente. Le forze speciali ufficialmente lo cercavano per testimoniare sul caso della liberazione illegale di un noto criminale, chiamata a cui per tre volte sembra che non avesse risposto. Dopo il primo fallito assalto l'ex presidente ha incitato la popolazione a ribellarsi: "Vogliamo solo una cosa dall'autorità, che finisca l'anarchia, che rispettino le leggi. Perché se sputano sopra le leggi che riguardano l'ex presidente, finirà che anche le persone normali verranno trattate come è successo a me, verranno trattate come pecore. Questa cosa deve finire".

Il parlamento a giugno ha revocato l'immunità di Atambayev. Il nuovo presidente Sooronbai Jeenbekov era inizialmente suo alleato, ma nell’ultimo anno i due si sono più volte accusati reciprocamente.

La Federazione russa è preoccupata per l'instabilità del Paese. Il Kirghizistan infatti fa parte dell'Unione Economica Euroasiatica - strumento geopolitico russo per mantenere la sua influenza nell'Asia Centrale - ed è essenziale per Mosca che resti stabile.

"Stiamo seguendo la situazione del paese - dice il premier russo Dmitry Medvedev - E vorrei dire una cosa. Il Kirighizistan è già stato protagonista di troppe rivoluzioni. E sarebbe un male se gli ultimi eventi portassero all'instabilità politica ed economica nel Paese".