Judo, Budapest Grand Prix: due ori per le giapponesi

Judo,  Budapest Grand Prix: due ori per le giapponesi
Dimensioni di testo Aa Aa

Grand Prix di judo a Budapest, prima giornata in terra magiara nel segno del Giappone, o meglio delle judoka giapponesi, che portano a casa due dei cinque ori disponibili.

Momento storico e toccante è dato dalla partecipazione della prima squadra di rifugiati.

Tra le donne -52 kg, su tutte la nipponica MAEDA, la quale sconfigge in finale l’elvetica KOCHER.

Terzo gradino del podio per la rumena CHITU e la spagnola PEREZ BOX: quest'ultima è artefice di una delle sorprese di giornata per il successo ai danni della kosovara KELMENDI, campionessa olimpica.

Donne -57 kg: qui vince la brasiliana SILVA, che sconfigge in finale la kosovara GJAKOVA, argento.

Terza piazza per l’austriaca FILZMOSER (che a 39 anni diventa la più vecchia medagliata al World Judo Tour) e l’ungherese KARAKAS.

Take a bow Sabrina Filzmoser 👏 #Judo #JudoBudapest #IJF

Publiée par IJF - International Judo Federation sur Vendredi 12 juillet 2019

Tra gli uomini -60 kg, medaglia d’oro per il kazako SMETOV, uomo del giorno, che sconfigge il mongolo GANBAT.

Terza piazza per il’olandese TSJAKADOEA ed il taiwanese YANG.

"Per quest'anno - afferma il vincitore - la competizione più importante è il Campionato del Mondo a Tokyo. Tutti i Grand Slam e i Grand Prix sono preparatori a questo e spero mi portino ancora una volta alla medaglia d'oro nei Mondiali".

Categoria uomini -66 kg: a sbaragliare la concorrenza ci pensa il mongolo GANBOLD, giustiziere del kazako ZHUMAKANOV.

Bronzo per il russo PULIAEV e l’uzbeko AKHADOV.

Guide to #JudoBudapest

Publiée par IJF - International Judo Federation sur Vendredi 12 juillet 2019

Categoria donne -48 kg: oro per la nipponica TONAKI, donna del giorno, dopo il successo per waza-ari al golden score nella finalissima ai danni della kosovara KRASNIQI.

Terzo gradino del podio per l’ucraina CHERNIAK e la spagnola FIGUEROA.

"Prima di tutto, grazie mille - dice la vincitrice - ho combattuto spesso contro la mia rivale, ma questa era la prima volta che ci siamo scontrate in una competizione, ci conosciamo ed è stato davvero difficile per noi combattere: da un momento all'altro, avrei potuto subire un ippon, è stato davvero un incontro tirato".

Per chiudere, la mossa del giorno viene dall'iraniano Mohammad RASHNONEZHAD, appartenente alla squadra di rifugiati della Federazione.

The new refugee team met IJF President Mr. Marius L. VIZER on the eve of #JudoBudapest PREVIEW: https://www.ijf.org/news/show/hungary-set-for-judo-heatwave-in-penultimate-event-before-the-worlds #Judo #IJF

Publiée par IJF - International Judo Federation sur Jeudi 11 juillet 2019