EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Turchia: gli studenti del METU di Ankara contro la demolizione degli alberi del campus

Turchia: gli studenti del METU di Ankara contro la demolizione degli alberi del campus
Diritti d'autore 
Di Simona Zecchi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'azione degli studenti ricorda l'inizio delle protestte di Gezy Park di fine maggio 2013 avvenute proprio contro un progetto edilizio che prevedeva l'abbattimento di alberi in uno dei pochi polmoni verdi di Istanbul. Il cosiddetto "movimento di Gezy Park"

PUBBLICITÀ

E' il caso di dire gli alberi della discordia. Lunedì8 luglio scontri fisici fra gli studenti della Middle East Technical University (METU) di Ankara e la polizia sono scoppiati, infatti, dopo 55 giorni di protesta scaturita contro il progetto universitario che porterebbe alla distruzione di centinaia di alberi per costruire un nuovo dormitorio nel campus.

Leggi anche ➡️ cosa succede fra il governo turco e la stampa

L'abbattimento degli arbusti ha avuto inizio proprio nella mattinata di lunedì. Consistente è stato l'uso degli spray lacrimogeni al peperoncino da parte delle forze dell'ordine per disperdere la folla.

Una operazione, quella dell'istituto, che - secondo i suoi stessi studenti- spingerebbe a tagliare 4 ettari di terreno e ad abbattere circa 750 arbusti distruggendo così l'ecosistema.

L'azione degli studenti ricorda l'inizio delle proteste di Gezy Park di fine maggio 2013 in piazza Taksim, avvenute proprio contro un progetto edilizio che prevedeva l'abbattimento di alberi in uno dei pochi polmoni verdi di Istanbul. Le dimostrazioni crebbero sempre più di numero, fino a raggiungere i 3 milioni e mezzo di persone e raccogliendo una forte critica al governo di Recep Tayyip Erdogan, allora primo ministro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia, "liste di proscrizione" per giornalisti nel rapporto di think tank

Turchia, tentato golpe: pioggia di ergastoli per gli oppositori

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi