EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ex Governatore dello Stato di Rio: "Tangente per assicurarci le Olimpiadi"

Ex Governatore dello Stato di Rio: "Tangente per assicurarci le Olimpiadi"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Già condannato a 200 anni di prigione per altri casi di corruzione, Cabral ha ammesso di aver pagato due milioni di dollari per assicurare alla capitale brasiliana le Olimpiadi del 2016

PUBBLICITÀ

L'ex Governatore dello Stato di Rio de Janeiro, Sergio Cabral, ha ammesso di aver pagato una tangente da 2 milioni di dollari per assicurare alla capitale brasiliana le Olimpiadi del 2016.

Già condannato a 200 anni di prigione per altri casi di corruzione, Cabral ha detto che i versamenti sono stati effettuati nel 2009, che i negoziati furono condotti da Carlos Nuzman, allora presidente del Comitato Olimpico brasiliano, e che anche il Presidente del Paese all'epoca, Lula da Silva, sapeva delle tangenti.

"Nuzman - afferma Cabral - mi guardò e disse: 'Ascolta, voglio dirti che il Presidente della Federazione internazionale di Atletica leggera, la IAAF - in quel momento il senegalese Lamine Diack - è disposto a ricevere tangenti'".

Tra i voti "corrotti" ci sarebbero quelli dell'ex nuotatore russo Alexander Popov, che ha tenuto quattro medaglie d'oro olimpiche nel 1992 e nel 1996, e l'ucraino Sergei Bubka, considerato il più grande della storia nel salto con l'asta.

Cabral admite propina para o Rio sediar Olimpíada de 2016

Em novo depoimento, o ex-governador Sérgio Cabral admitiu ter pago dois milhões de dólares de propina para que o Rio de Janeiro sediasse a Olimpíada de 2016. band.com.br/jornaldaband

Publiée par Jornal da Band sur Jeudi 4 juillet 2019
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Tokio, conto alla rovescia per le Olimpiadi 2020

Rio 2016: l'ombra della corruzione, arrestato il Presidente del Comitato Olimpico Nuzman

Rio 2016: aperta inchiesta su ipotesi di corruzione per l'attribuzione dei Giochi