EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Forze di Haftar bombardano aeroporto Mitiga di Tripoli

Forze di Haftar bombardano aeroporto Mitiga di Tripoli
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nuovi bombardamenti delle forze di Haftar, colpito l'aeroporto tripolino di Mitiga. Cresce l'indignazione internazionale per l'attacco al campo profughi, decine i morti. L'ONU chiede inchiesta indipendente.

PUBBLICITÀ

Non c'è pace per Tripoli. Dopo il bombardamento del centro di detenzione per migranti di Tajourah, le forze del generale Haftar hanno rivendicato il raid aereo che in serata ha copito l'aeroporto internazionale Mitiga, causando la sospensione dei voli. Colpita, secondo un portavoce di Haftar, la sala di comando dei droni.

E intanto continua a montare l'indignazione per l'attacco al centro profughi di Tajourah: secondo l'ultimo bilancio, sarebbero almeno 40 i morti, ma c'è chi parla di un centinaio.

Da Benghasi, gli alti comandi dell'esecito nazionale libico di Haftar smentiscono di aver mai voluto colpire i migranti:

secondo il generale Khaled El Majob, la struttura bombardata la notte tra il 2 e il 3 luglio sarebbe stata in realtà base di una milizia armata denominata Ta al- Dhaman, che avrebbe ammassato i migranti nell'edificio utilizzandoli come scudi umani.

Una versione che non trova molto credito: sono in molti tra gli analisti internazionali i a ritenere che dopo le recenti vittorie strategiche di Tripoli, Haftar stia semplicemente perdendo la testa.

Le Nazioni Unite chiedono un'inchiesta indipendente e parlano apertamente di un crimine di guerra, facendo eco al primo ministro del governo di al Serraj che parla di un attacco premeditato e odioso.

E anche gli stati uniti, i cui rapporti con Haftar erano diventati via via più tiepidi, sembrano intenzionati a una definitiva presa di distanze.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Onu: Israele potrebbe aver commesso crimini di guerra per liberare i quattro ostaggi a Nuseirat

Gaza, Hamas e Jihad islamica disponibili ad un accordo. Accettano risoluzione Onu

Bosnia: leader del territorio serbo minaccia la secessione prima del voto su Giornata della memoria