Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Eruzione dello Stromboli: morto un escursionista

Eruzione dello Stromboli: morto un escursionista
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Torna a sputare fuoco lo Stromboli, vulcano dell'omonima isola dell'arcipelago siciliano delle Eolie. Una serie di eruzioni violente hanno aperto il varco a due lingue di lava e provocato il terrore nella popolazione. Un escursionista è morto, colpito forse da una grossa pietra espulsa durante l'eruzione. Si tratta di un uomo di 35 anni, Massimo Ibesi, della provincia di Milazzo. Per la paura molti turisti si sono lanciati in mare. Attivata l'unità di crisi per monitorare la situazione secondo per secondo.

"Si tratta di un vulcano attivo da moltissimo tempo - spiega la vulcanologa Janine Krippner - si è guadagnato il soprannome di "faro del Mediterraneo", per via del fatto che è sempre attivo e dà una luce continua intermittente. Le eruzioni attirano i turisti curiosi, ma se capita un fenomeno cosi non c'è molto da fare, non lo puoi prevedere: è un sistema aperto, non ci sono barriere e chiunque puo' arrivare in cima per guardare e trovarsi sulla traiettoria dell'eruzione".

Vista aerea dell'eruzione da un elicottero dlla polizia Stromboli, Italy July 3, 2019. Polizia di Stato/Handout via REUTERS
Pioggia di lapilli e cenere durante l'eruzione dello StromboliVista aerea dell'eruzione da un elicottero dlla polizia Stromboli, Italy July 3, 2019. Polizia di Stato/Handout via REUTERS

La frazione di Ginostra, un piccolo gioiello di natura quasi incontaminata, è stata la piu' colpita dalle eruzioni di mercoledi.

COSA DICE l'INGV

Secondo l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia si è trattato delle esplosioni piu' forti dal 1985, da quando cioè è attivo il sistema di monitoraggio del vulcano.

Il direttore dell'Osservatorio Etneo dell'Istituto , Eugenio Privitera spiega che "simili attività sono definite 'parossistiche' ed erano state registrate nel 2003 e 2007. Si tratta di fenomeni abbastanza rari, perché lo Stromboli è caratterizzato da un'attività continua ma a bassa energia". Il fenomeno "si può considerare sostanzialmente concluso", ma non è possibile prevedere se ci saranno delle repliche perché non esistono segnali precursori che annunciano questi eventi aggiunge Privitera. "Sono fenomeni imprevedibili, di conseguenza non si possono fare scenari", sottolinea l'esperto.

L'Osservatorio Etneo dell'Ingv ha osservato in campo "una colonna eruttiva che si è innalzata per almeno 2 chilometri di altezza al di sopra della area sommitale del vulcano Stromboli" che si è poi dispersa in direzione sud-ovest".

**I PRECEDENTI

**

Già nel 2003 lo Stromboli era stato protagonista di una violenta eruzione che provoco' un'onda anomala capace di travolgere le imbarcazioni ormeggite al porto per 150 chilometri. 3 i feriti in quell'occasione.

PRONTI I PIANI DI EVACUAZIONE DELL'ISOLA

L'isola di Stromboli ha circa 500 abitanti, ma durante la stagione estiva arriva ad ospitare ben 10 mila turisti. I piani di evacuazione di massa in caso di necessità son già stati predisposti. 70 persone hanno già lasciato l'isola.