Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

The Brief From Brussels: Strasburgo riapre le sue porte al nuovo Parlamento europeo

The Brief From Brussels: Strasburgo riapre le sue porte al nuovo Parlamento europeo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Inizia piena di incertezze la prima seduta plenaria del nuovo Parlamento europeo a Strasburgo. L'emicilo dovrà affrontare alcune grandi questioni una fra tutte come arrivare ad una maggioranza. Dalle ultime elezioni lo scenario politico è uscito frammentato e ciò potrebbe rendere più tortuoso arrivare a degli accordi, spiega lo storico britannico Timothy Garton Ash.

"Penso che sia positivo che la vecchia grande coalizione tra il PPE e i socialisti abbia perso la sua egemonia, ma il punto per il Parlamento europeo e l'Europa nel suo complesso è come intraprendere azioni decisive. Altrimenti questo diventa un gioco complicato che non permette di concludere nulla".

Finora sono stati costituiti sette gruppi politici, mentre altri due partiti sono rimasti fuori. Il partito della Brexit e il movimento a 5 stelle stanno infatti ancora cercando un posto nell'emiciclo.

Precedentemente riuniti nel gruppo EFDD, è molto improbabile che possano formare un gruppo politico in quanto hanno solo 43 deputati al Parlamento europeo.

I Verdi sono i vincitori delle elezioni, anche se l'onda verde non ha travolto tutti gli stati europei.

Piotr Maciej Kaczyński dello EUROPEUM Institute for European Policy.

"L'agenda verde è al centro delle sfide che l'UE affronterà nei prossimi 5 anni. Adesso pero bisogna darsi da fare e portare dei risultati e non sarà così facile. MI aspetto moltissime battaglie per contrastare i gruppi industriali e spingere per la carbonizzazione. Dobbiamo ascoltare quei nuovi leader provenienti dalla società civile. loro sono anche leader generazionali".

I quattro gruppi maggiori (PPE, S & D, RE e Verdi) stanno negoziando un accordo di coalizione e forse un accordo futuro sui cinque settori prioritari: cambiamenti climatici, politiche economiche e fiscali, digitalizzazione, Stato di diritto, immigrazione e affari esteri.

Martedì Strasburgo riapre le sue porte...che i giochi abbiano inizio.