Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Beitar ingaggia Mohammad,ultrà insorgono

Beitar ingaggia Mohammad,ultrà insorgono
'Per giocare cambi nome'.Ma il Presidente lotta contro razzismo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TELAVIV, 11 GIU – “Il problema non e’ lui, ma il suo
nome. Glielo faremo cambiare per impedire che il nome Mohammad
sia pronunciato nello stadio Teddy”. Con queste parole il gruppo
ultrà ‘La Familia’ del Beitar Gerusalemme, noto come fazione
violenta e con comportamenti xenofobi, ha reagito all’annuncio
dell’acquisto dal Maccabi Natanya del centrocampista Ali
Mohammad, originario del Ghana, per 2,25 milioni di euro.
Secondo quanto riferisce il quotidiano ‘Yediot Ahronot’, gli
ultrà del Beitar Gerusalemme hanno voluto verificare la fede
religiosa del calciatore e hanno così appreso che Mohammad è
“cristiano praticante” e non musulmano come temevano. Ma per
dargli il benvenuto nello stadio di casa, il Teddy, pretendono
ancora – secondo il giornale – che cambi nome. Il presidente del
Beitar Gerusalemme Moshe Hoghegh da tempo cerca di sradicare
ogni forma di razzismo nella sua tifoseria, in passato
protagonista di vari atti d’intolleranza e ha ingaggiato una
disputa giudiziaria denunciando quattro esponenti di ‘La
Familia’.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.