Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Budapest, rinforzi sudcoreani per le ricerche delle vittime dopo lo scontro tra battelli sul Danubio

Budapest, rinforzi sudcoreani per le ricerche delle vittime dopo lo scontro tra battelli sul Danubio
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Lo scontro tra due imbarcazioni a Budapest, mercoledì scorso, potrebbe rivelarsi l'incidente più grave avvenuto sul Danubio negli ultimi 75 anni. Venerdì nella capitale ungherese è arrivata la ministra degli Esteri della Corea del Sud, Paese di provenienza delle 7 vittime accertate fino ad ora. Un bilancio destinato a salire quando il Danubio, ingrossato da settimane di maltempo, restituirà ciò che resta del battello affondato.

"Stiamo provando in tutti i modi a recuperare i corpi rimasti nella barca e a trovare gli altri - dice la ministra sudcoreana Kang Kyung Wha - Per questo le nostre ricerche si sono estese anche oltre i confini ungheresi".

Dalla Corea è arrivata anche una squadra di soccorso nautico e subacqueo, per supportare le forze dell'ordine ungheresi nella ricerca dei 21 dispersi.

"Gli operatori lavorano in condizioni molto difficili per individuare il relitto - dice Péter Szijjártó, ministro degli Esteri ungherese - Dopo settimane di pioggia il Danubio è alto a la visibilità al minimo. Ieri c'è stato un tentativo, coordinato dal nucleo anti terrorismo, ma è risultato impossibile avvicinarsi alla barca".

Intanto stanno arrivando a Budapest i famigliari delle vittime. Ieri c'è stato anche un arresto, del capitano della nave da crociera Viking, che si è scontrata con il battello da turismo, facendolo affondare. I racconti dei superstiti sono pieni di angoscia: tutto è avvenuto in meno di dieci secondi ed è possibile che chi si trovava in cabina non abbia neppure potuto provare a salvarsi.