ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Prodotti chimici: industria fuorilegge

euronews_icons_loading
Prodotti chimici: industria fuorilegge
Diritti d'autore  REUTERS/Wolfgang Rattay
Dimensioni di testo Aa Aa

È stato definito il Dieselgate dell'industria chimica. Diversi grandi marchi violerebbero le normative dell'Unione europea in materia di sicurezza. L'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) denuncia irregolarità per i due terzi di 700 sostanze utilizzate nella cosmesi, nella medicina, nella plastica, fino all'alimentazione.

Le autorità nazionali, denunciano i movimenti ambientalisti, tutelano le imprese coinvolte: "A nostro avviso, le autorità pubbliche sono, da anni, troppo permissive nei confronti dell'industria e riluttanti a dire pubblicamente quali sono le sostanze responsabili - dice Tatiana Santos dell'European Environmental Bureau - Crediamo che in realtà sia giunto il momento di fare sul serio e regolamentare l'uso di queste sostanze chimiche e le aziende che le commercializzano".

L'European Environmental Bureau è entrato in possesso dei risultati dell'indagine del governo tedesco a partire dal 2014 e ha concluso che 940 sostanze non soddisfano gli standard di sicurezza. I 41 dossier sulle sostanze più pericolose non sono mai stati affrontati.