Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Eurovision 2019: contratto firmato, scongiurata l'ipotesi di forfait di Madonna

Eurovision 2019: contratto firmato, scongiurata l'ipotesi di forfait di Madonna
Diritti d'autore
REUTERS/Eduardo Munoz
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

AGGIORNAMENTO 16/5: Il contratto è stato evidentemente firmato perché l'organizzazione ha comunicato che Madonna sarà la super ospite della finalissima e canterà due canzoni.

Articolo originale: poche ore dall'inizio di Eurovision rischia di saltare la performance della super ospite più attesa, Madonna. L'organizzazione ha reso noto che l'artista potrebbe non esibirsi nella finale del 18 maggio prossimo perché la cantante non ha ancora firmato un contratto con l'Unione Europea di Radiodiffusione (EBU).

"Se non c'è un contratto firmato, non può esibirsi su quel palco", ha detto il supervisore esecutivo di Eurovision, Jon Ola Sand.

Il concorso - che prende il via con la prima semifinale stasera - si svolgerà quest'anno a Tel Aviv dopo che la israeliana Netta Barzilai ha vinto l'edizione dell'anno scorso.

La pop star Madonna è attesa per stasera in città dove dovrebbe interpretare due canzoni. Una dovrebbe essere dall'album 'Madame X' in uscita a giugno, l'altra Like A Prayer. L'arrivo dell'artista è stato preceduto ieri sera dall'atterraggio in Israele dell'aereo con tutte le attrezzature necessarie all'esibizione della cantante. Madonna - secondo i media che citano l'impresario della cantante Daniel Ben Naim - arriverà con l'aereo del magnate israeliano di origine canadese Sylvan Adams grande sponsor della sua partecipazione all'Eurofestival.

Adams - che, come appassionato di biciclette, è stato l'artefice dello svolgimento dell'ultimo Giro d'Italia in Israele - ha contribuito in maniera determinante alla presenza della cantante americana, peraltro molto legata a Israele dove si è già esibita nel 2009 e nel 2012. Non è escluso che nella sua permanenza in Israele, Madonna - che segue la 'Kabbalah', la mistica ebraica - possa vedere il premier Benyamin Netanyahu e sua moglie Sarah.

Rumor sulla performance di Madonna si rincorrono da aprile, quando il promotore del concerto Live Nation Israel ha scritto in un post su Facebook dicendo Madonna avrebbe effettivamente cantato due canzoni. Ma Eurovision ha detto che EBU sta ancora negoziando con l'artista.

"Stiamo negoziando ora, nella fase finale, ma se non c'è un contratto firmato questa settimana, lei non sarà sul palco", ha detto Sand.

I media israeliani hanno riferito di dubbi sull'opportunità di far esibire l'artista, nota per le sue provocazioni, durante la finale che cade di Shabbat. Ma, secondo il Jerusalem Post, Madonna dovrebbe comunque iniziare le prove.

Il supervisore esecutivo di Eurovision, Sand, ha definito tutta la la situazione "strana".

"Abbiamo un'artista che vorrebbe partecipare all'Eurovision Song Contest, ci piacerebbe darle il benvenuto su quel palco, ma per questo, abbiamo bisogno di avere un quadro sicuro", ha detto.

L'Eurovision Song Contest di quest'anno è stato oggetto di campagne di boicottaggio e controversie, soprattutto dopo una recente escalation di violenza tra Israele e Palestina.

"Business as usual" per Eurovision nonostante razzi e bombe tra Israele e Gaza

La kermesse - che l'anno scorso ha attirato 189 milioni di spettatori - è coprodotta dall'EBU e dall'emittente pubblica israeliana KAN. Ma per l'edizione di quest'anno ci si aspetta un minor numero di turisti in Israele, appena 5mila, rispetto alle decine di migliaia di turisti che hanno partecipato ad altri concorsi dell'Eurovisione.

Nel frattempo, la sicurezza è stata rafforzata a Tel Aviv, con 8.000 agenti di polizia in più designati per salvaguardare il concorso.

Eurovision, chi sono i favoriti per la vittoria finale

Nei suoi primi commenti da quando la notizia si è diffusa, Madonna ha detto alle agenzie: "Non smetterò di fare musica per seguire l'agenda politica di qualcuno".

La pop star americana ha così respinto gli appelli del Movimento boicottaggio di Israele che le chiedevano di non esibirsi. "Il mio cuore si spezza - ha detto citata dall'Ap - ogni volta che sento di innocenti vite in questa regione e della violenza che così spesso si perpetua per seguire gli obiettivi politici di gente che trae profitto da questo antico conflitto". L'artista ha detto di pregare per "un nuovo percorso di pace".