ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il curioso "timing" della Nato in Turchia

Il curioso "timing" della Nato in Turchia
Diritti d'autore
Kayhan Ozer/Presidential Press Office/Handout via REUTERS
Dimensioni di testo Aa Aa

Non è stato il periodo più fortunato quello del segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, per visitare la Turchia.

Nel giorno in cuio una corte invalida le elezioni ad Istanbul che avevano visto un grosso rovescio del presidente Erdogan, ecco che il capo dell'alleanza atlantica va ad Ankara in occasione del 25mo anniversario del Dialogo mediterraneo. Nella circostanza, fa sapere l'Alleanza atlantica, viene organizzata una riunione del Consiglio nordatlantico ad Ankara alla presenza del ministro degli Affari esteri turco, Mevlut Cavusoglu, il quale avrà poi un colloquio bilaterale con Stoltenberg. Molto probabile che sul tavolo ci sia il dossier legato all'acquisto del sistema missilistico russo S-400 da parte della Turchia, un affare criticato dagli Stati Uniti. Il Pentagono teme infatti che la presenza degli S-400 in Turchia sia incompatibile con quella di altri sistemi d'arma Nato. Nelle scorse settimane Washington ha minacciato di escludere Ankara dal programma di sviluppo del caccia multiruolo F-35.