ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia, prenotò la vacanza con tour operator non gradito: in carcere fumettista

Musa Kart, l'ultima intervista rilasciata prima di tornare in prigione
Musa Kart, l'ultima intervista rilasciata prima di tornare in prigione -
Diritti d'autore
Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Dovrà tornare in carcere il fumettista turco "colpevole" di aver acquistato un pacchetto vacanze da un tour operator legato al gruppo religioso di Gülen, accusato di essere dietro il colpo di stato del 2016 in Turchia.

Musa Kart aveva concesso la sua ultima intervista prima di ritornare in prigione proprio a Euronews. Si tratta di uno dei sei dipendenti o ex dipendenti di Cumhuriyet, il quotidiano laico indipendente più antico di Turchia, che hanno perso l'appello contro le accuse di terrorismo che portano alla reclusione.

Si tratta dell'ennesimo attacco alla libertà di informazione nel Paese di Erdogan, dove i giornalisti sono stati tra le categorie professionali più colpite dalla reazione governativa al fallito colpo di stato del luglio 2016. Molti sono finiti in carcere per più di un anno senza processo.

Più di 77mila persone sono state private della libertà senza giusto processo, mentre sono più di 150mila i dipendenti pubblici e i militari licenziati o sospesi dal servizio. Arresti ed operazioni di polizia sono tuttora routine quotidiana, in Turchia.

Secondo Kart, il fallito colpo di stato è usato come pretesto dal presidente Recep Tayyip Erdogan per tenere gli oppositori dietro le sbarre. "Disegno fumetti da quasi 40 anni", ha detto a Euronews mercoledì scorso. "Sono stato testimone di molte ere politiche, ho fatto la caricatura senza sconti di così tanti leader politici. Ma non ho mai dovuto affrontare una punizione a livello legale. Tuttavia, oggi il nostro spazio vitale si è ridotto significativamente. Coloro ai quali non piacciono le nostre vignette ci mettono in carcere con la scusa del colpo di stato".

La sede di Cumhuriyet a Instanbul, dietro la grata di sicurezza

Come Kart, altri 13 colleghi sono stati colpiti da una sentenza di reclusione l'anno scorso con l'accusa di terrorismo o collegamenti con l'organizzazione del religioso Fethullah Gülen, in esilio negli Usa, storico oppositore di Erdogan. Questo nonostante Kart abbia apertamente criticato in passato lo stesso Gülen.

La sua condanna è stata di quattro anni. Nel suo fascicolo, caricato sul sito del ministero della giustizia turco, si vede come la prenotazione di una vacanza con l'agenzia ETS Tur è stata considerata una connessione con il movimento di Gülen passibile di pena carceraria. "Evidentemente, le vacanze in Turchia non sono così economiche", scherzò su Twitter all'epoca.

Nonostante l'apparente connessione, il fondatore di ETS Tur, Mehmet Ersoy, l'anno scorso è diventato Ministro per la cultura e il turismo di Erdogan. Kart e altri cinque dipendenti del quotidiano hanno fatto appello contro la sentenza, a febbraio, e sono stati liberati nel frattempo. Ma l'appello non è stato accolto e così il vignettista, quattro amministrativi e un contabile dovranno tornare nella prigione di Kandira, a quasi 150km da Istanbul, per terminare di scontare la loro pena. Altri otto stanno aspettando la sentenza di appello o hanno già scontato la condanna.

La Turchia è il Paese al mondo con più giornalisti dietro le sbarre e si trova al 157esimo posto su 180 nazioni nella classifica di RSF sulla libertà di stampa nel mondo. Kart spera che il suo caso rinvigorisca l'opposizione.

Kart durante l'intervista con Euronews di mercoledì 24 aprile

"Abbiamo un compito", ha detto. "Dobbiamo dimostrare che queste politiche e questo modo di pensare devono essere abbandonate. Dobbiamo opporci a questo atteggiamento oppressivo e crudele. Non possiamo cedere o fare un passo indietro. I nostri figli, nipoti, vivono in questo Paese. Questo è il nostro Paese, lo amiamo e rimarremo qui. Finiremo di nuovo in prigione, se necessario".