Armeni: anche per l'Italia fu genocidio. Una mozione della Camera lo riconosce formalmente

Armeni: anche per l'Italia fu genocidio. Una mozione della Camera lo riconosce formalmente
Di Giulia Avataneo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Proteste da parte di Ankara. Il portavoce dell'Akp rinfaccia all'Italia il suo passato coloniale: "Uccisi migliaia di musulmani"

PUBBLICITÀ

L’Italia ha riconosciuto formalmente il genocidio degli armeni, lo sterminio di un milione e mezzo di cristiani pianificato tra il 1915 e il 1917 sotto l’Impero Ottomano.

La Camera dei Deputati ha approvato a larga maggioranza una mozione bipartisan che impegna il governo a «riconoscere ufficialmente il genocidio e a darne risonanza internazionale». È il 29esimo Stato a prendere questa iniziativa, e come negli altri casi non si sono fatte attendere le proteste della Turchia, che ha convocato l'ambasciatore ad Ankara.

Il portavoce dell'Akp, partito di governo, ha rinfacciato all'Italia la sua politica coloniale negli anni del fascismo.

"Un quarto della popolazione della Cirenaica, più di 50mila persone, sono morte - ha detto Omer Celik - Centomila musulmani sono stati costretti a lasciare le loro case sulla base di una pulizia etnica.

Se si sostiene che il confronto su questi temi sia un contributo alla storia, benissimo. Ma lasciate stare la storia degli altri Paesi".

Ankara non riconosce il genocidio degli armeni durante la prima guerra mondiale, ne contesta i numeri e sostiene che i massacri del 1915 siano avvenuti nell'ambito di un conflitto, non su base etnica o religiosa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ancora scontri: cosa e chi sta dietro il conflitto tra Armenia e Azerbaijan

L'Armenia in preda al coronavirus ricorda il genocidio del suo popolo

Stati Uniti, il senato riconosce il genocidio armeno