ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caos Brexit: alla fine, il Regno Unito dovrà partecipare alle europee

Caos Brexit: alla fine, il Regno Unito dovrà partecipare alle europee
Dimensioni di testo Aa Aa

La data di uscita dall'Unione europea in teoria era fissata per fine marzo, dopodichè è slittata al 12 aprile: ma con la nuova proroga appena annunciata da Bruxelles, i cittadini britannici potrebbero trovarsi ad ai seggi per il rinnovo dell'europarlamento. Il governo ha ammesso di aver dovuto pianificare la partecipazione alla tornata del 23 maggio e dunque, come non bastasse il caos relativo a Brexit, ai partiti toccherà ora iniziare la campagna elettorale.

Dei 751 seggi totali dell'assemblea, al Regno Unito ne toccano 73, la maggior parte dei quali sono destinati a collegi elettorali in Inghilterra, mentre la proporzione in Scozia, Galles e Irlanda del Nord segue l'andamento demografico decisamente più esiguo,

Il sistema proporzionale adottato dall'Unione Europea ha favorito i partiti più piccoli e nel 2014 ciò ha portato alla vittoria dell'Ukip, all'epoca guidato da di Nigel Farage. La formazione euroscettica ha attualmente 24 seggi, contro i 20 e i 19 di laburisti e conservatori. L'Ukip rimane una forza di disturbo nel parlamento, e Nigel Farage, ora alla guida di un nuovo partito proBrexit, ha avvertito gli eurodeputati di come intenda eventualmente sedervi. "Volete davvero che il Regno Unito contesti queste elezioni europee, che mandi qui altri deputati euroscettici proprio mentre cercate di combattere il populismo in tutto il continente? Volete davvero vedermi tornare in questo posto?" ha dichiarato durante l'ultima sessione, tra la malcelata ilarità generale.

Laburisti e i conservatori hanno in effetti poco da stare tranquilli. Entrambi hanno perso numerosi voti a favore dei partiti pro e anti-Brexit , e questi risultati potrebbero riflettere perfettamente l'esito delle elezioni di maggio, con il nuovo Gruppo Indipendente pro-Europa che si impegna a mettere in campo i suoi candidati.

Qualunque sia il risultato, è certo che il Regno Unito - i cui seggi avrebbero dovuto essere distribuiti tra gli altri stati membri - arriverà come un elemento di disturbo a queste elezioni.