ULTIM'ORA
This content is not available in your region

19enne ucciso a Alghero: sparo dall'alto

19enne ucciso a Alghero: sparo dall'alto
Prime risultati della Tac, vittima probabilmente era seduta
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ALGHERO, 9 APR – La traiettoria del colpo di pistola
che ha ferito a morte Alberto Melone, il barista algherese di 19
anni ucciso venerdì sera in un appartamento di piazza del
Teatro, va dall’alto verso il basso. Chi ha sparato – dell’omicidio è accusato l’amico Lukas Saba, 18enne, dipendente
dell’attività portuale del padre – sovrastava fisicamente la
vittima. Probabilmente Alberto era seduto e chi l’ha colpito con
la calibro 22 era in piedi. È quanto emerge dalle prime
valutazioni sulla tac eseguita dai medici legali incaricati dal
sostituto procuratore Mario Leo, che coordina le indagini
condotte dai carabinieri del reparto investigativo del comando
provinciale di Sassari e dalla compagnia di Alghero. All’esame hanno partecipato i due periti indicati dalla
Procura, Francesco Serra e Salvatore Lorenzoni, insieme a
Francesco Lubinu, indicato dalla famiglia Melone, patrocinata da
Francesco Carboni e Nicola Satta.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.