Famiglia: a Verona si è chiuso il congresso delle polemiche

Famiglia: a Verona si è chiuso il congresso delle polemiche
Di Cecilia Cacciotto
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli organizzatori hanno avanzato, in un documento finale, tutta una serie di richieste come alternative valide all'aborto, la fine dell'utero in affitto e la tutela delle madri che decidono di dedicarsi solo alla famiglia. In corteo hanno sfilato per il centro della città

PUBBLICITÀ

A Verona con un corteo finale che ha sfilato per le vie del centro, 50 mila per gli organizzatori, 10 mila per le forze dell'ordine, si è chiuso il congresso delle polemiche, il Congresso mondiale delle famiglie che ha sollevato un ampio dibattito in seno alla società civile e politica italiana.

In un documento finale, gli organizzatori chiedono la fine della pratica dell'utero in affitto, mettono ancora l'accento sull'umanità del feto, chiedendo valide alternative all'aborto e una maggiore tutela dei diritti delle donne e delle famiglie in difficoltà economiche. Chiedono anche il contrasto radicale alla diffusione e legalizzazione di ogni tipo di droga e il sostegno delle madri che decidano di dedicarsi solo alla famiglia.

Le polemiche sono divampate prima e durante il Congresso, l'Italia arcobaleno ha risposto sabato con una contro manifestazione sempre a Verona per dire: tutti i diritti acquisiti con dure battaglie idegli ultimi decenni non si toccano.

Al netto di strumentalizzazioni e polemiche, la 3 giorni ha avuto forse il merito di far parlare, di nuovo della famiglia e di politiche verso la famiglia ancora da adottare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perché in Italia si ha paura a metter su famiglia?

Verona, Congresso della famiglia: Italia divisa in due

La famiglia italiana dalla riforma del 1975 a oggi