Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Programma ESTIA, la Grecia diventa laboratorio di integrazione

Programma ESTIA, la Grecia diventa laboratorio di integrazione
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel giugno 2017, Jean Marc è stato riconosciuto dalle autorità greche come rifugiato. Da allora vive in un appartamento nel centro di Atene, insieme ad altri quattro rifugiati. Il suo affitto viene pagato dall'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati. Tuttavia, il 23enne della Costa d'Avorio deve partire entro la fine di questa settimana. Un altro rifugiato prenderà il suo posto.

"Non mi sento bene, perché non faccio niente. Non ho un lavoro - dice Jean Marc - Vado a scuola per imparare il greco, così posso trovare un lavoro, qualsiasi lavoro. Ma niente fino ad ora. Sai, ad Atene non è facile trovare lavoro. Voglio vivere la mia vita qui e costruire una famiglia. Ma appena uscirò da questa casa, devo trovare un posto dove dormire".

Jean Mark è preoccupato, ma non ha paura. Ama il calcio e spera che una squadra greca gli dia una possibilità.

ESTIA è un programma di alloggio finanziato dall'Unione Europea e realizzato dall'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati in collaborazione con le ONG greche. Attualmente l'ESTIA sostiene 22.636 persone. Il 31 marzo, i primi 200 ospiti dovranno partire e arrangiarsi da soli. La maggior parte dei rifugiati di questo programma vive ad Atene e Salonicco, il 93% vive in appartamento.

L'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati sostiene che questo è un passo necessario, come spiega il portavoce, Boris Cheshirkov: "Per ora stiamo parlando di circa duecento persone. Non è un numero significativo, ma 200 individui che vengono prelevati, diciamo dall'isola di Samos, dove la situazione è piuttosto dura e alle quali viene data la possibilità di stare in un appartamento, con accesso ai servizi e dove saranno sostenute nelle attività. Questo è uno passo importante".

Alcune ONG ritengono che i rifugiati non siano pronti, ma per ora non esprimono pubblicamente le loro riserve. Il governo spiega che queste persone non saranno abbandonate.

"Queste persone continueranno a ricevere sostegno finanziario per un periodo di tre mesi e avranno il diritto di partecipare ad un programma di lavoro speciale - spiega Miltiadis Klapas, segretario generale del governo greco per la Politica migratoria - Riceveranno uno stipendio. Quindi continuiamo a sostenerli, anche dopo la loro uscita dal programma Estia. Vogliamo che si sentano al sicuro nel nostro Paese. Vogliamo che si integrino nella società greca".

"Rifugiati e migranti sanno che il sostegno finanziario dello Stato ha una scadenza - conclude il giornalista di euronews, Apostolos Staikos - Tuttavia, l'integrazione nella società greca è un compito difficile e complesso. Per alcuni può essere un passo affrettato, ma sicuramente questo è il primo passo significativo".