Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Omicidio Kuciak: un imprenditore slovacco è accusato di essere il mandante

Omicidio Kuciak: un imprenditore slovacco è accusato di essere il mandante
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il controverso imprenditore slovacco Marian Kocner è stato accusato dalle autorità di Bratislava di essere il mandante dell'omicidio del giornalista investigativo Jan Kuciak. Il reporter 27enne fu freddato a colpi di pistola, insieme con la compagna, nel febbraio del 2018 nella sua abitazione di Veľká Mača, cittadina a est della capitale.

Kocner è in prigione per frode dall'estate scorsa e il suo nome era già stato accostato all'omicidio Kuciak perchè il giornalista, prima di essere ucciso, aveva indagato su presunti casi di evasione fiscale in aziende legate a uomini d’affari slovacchi.

Chi è Marian Kocner?

Marina Kocner è un uomo d'affari slovacco con interessi nel mondo finanziario e immobiliare. E' ritenuto vicino alle alte sfere politiche del paese in particolare a esponenti del Partito Socialdemocratico dell'ex premier Robert Fico che si è dimesso poche settimane dopo l'uccisione di Kuciak perchè accusato, dall'opposizione e dall'opinione pubblica, di non essere riuscito a proteggere il giornalista.

In passato Kocner era infatti stato denunciato da Kuciac. L'imprenditore era stato accusato di aver minacciato il giornalista dicendo che avrebbe raccolto informazioni sporche su di lui e sulla sua famiglia se non avesse smesso di occuparsi dei suoi affari. Kocner aveva definito assurde le accuse. Alla denuncia di Kuciak non erano seguite indagini.

Per il delitto a settembre sono state arrestate 4 persone. Sarebbe stata una di queste a parlare di Kocner come del possibile mandante.

Le prime indagini

In un primo momento si era ipotizzato che l'omicidio fosse legato a un'altra inchiesta di Kuciak che riguardava il trasferimento fraudolento di fondi europei a cittadini italiani residenti in Slovacchia ritenuti vicini alla ‘ndrangheta.

Pochi giorni dopo il delitto erano stati arrestati proprio 7 cittadini italiani sospettati di avere legami con le cosche calabresi. I 7 furono rilasciati pochi giorni dopo. Uno di loro fu poi fermato di nuovo dalle autorità slovacche per traffico di droga.