ULTIM'ORA

Il futuro del turismo: tecnologia e sostenibilità

Il futuro del turismo: tecnologia e sostenibilità
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Come ogni anno, l’ITB, la Fiera Internazionale del Turismo di Berlino attrare milioni di visitatori e addetti ai lavori da tutto il mondo.

Padiglioni e stand di tour operator o compagnie aeree. Lavoro ma anche divertimento. Un giro del mondo gli in 150.000 metri quadrati. Un’attrazione per 110 mila visitatori. Riflettori puntati sui posti di vacanza più gettonati, sulle ultime novità riguardo ai viaggi di lavoro e sulla tecnologia che sta rivoluzionando il settore.

Uno dei Paesi che qui alla Fiera di Berlino non manca mai è l'India. Vacanze all’insegna della cultura, ma anche del benessere psico-fisico.

India: tra tradizione e innovazione

E cosî, per distinguersi in questo mercato dei viaggi, l'India incoraggia i turisti ad guardare oltre le attrazioni tradizionali, come ci ha raccontato anche Yogendra Tripathi, segretario del Ministero del turismo indiano: "Ci sono luoghi in questo Paese che sono ideali per permettere a una persona di sperimentare quella che è la vera vita rurale, la vita di campagna. Si tratta di vivere in pace con la natura. Tutto è pensato per la gente che ci vive, per la popolazione che ne trae direttamento beneficio. Mi riferisco alla possibilità di guadagnare di più proprio da queste risorse locali, interagendo con gli altri. Quello che stiamo cercando di mostrare è che c'è vita ... che si può ancora convivere in questo folle mondo urbano dove tutti corrono sempre tutto il tempo."

Social media e nuove tecnologie al centro dell'edizione 2019

Il turismo è un'industria in costante e forte crescita, specie per paesi come Asia e Cina. E i Millennial esperti delle nuove tecnologie stanno contribuendo a alimentare questa tendenza.

Posti come il Sudafrica sono il trend del momento, una delle destinazioni preferite dai giovani che poi postano recensioni, foto, video e commenti su social media e blog. Guide alternative ma molto utili. "La parola chiave per i giovani è essere trattati come la gente del posto. Vogliono camminare e comportarsi come chi vive in quel paese, andare a bere in un locale e fare tutto il resto esattamente con quella prospettiva”, ha voluto sottolineare Sisa Ntshona, AD dell’ente del Turismo sudafricano. "Ecco perché la tecnologia è molto importante, deve essere ben mirata, si tratta di educare e informare i turisti prima e durante il viaggio. Ed è importante per noi avere la raccolta di dati, di un enorme quantità di informazioni. Dobbiamo essere in grado di consegnare tutte le informazioni ai turisti tramite dispositivi o app, in modo che chi ci parla e ci spiega qualcosa, lo fa nell’interesse del visitatore.”

Albania: terra di tesori nascosti

Attraverso i social, l'Albania è riuscita a dimostrare di essere una meta aperta al business. Questa destinazione relativamente nuova, situata nel sud-est dell'Europa, lo scorso anno, ha attirato oltre sei milioni di turisti stranieri, con un aumento del 20% rispetto al 2017. Una terra dai tesori nascosti: dalle montagne mozzafiato alle splendide spiagge. Secondo Blendi Klosi, ministro del Turismo e dell'Ambiente dell'Albania, le aziende stanno capendo, in questo momento, che la storia è cambiata e gli operatori turistici stanno diventando sempre più delle società IT. “Quindi anche noi, stiamo facendo diverse campagne che occupano spazio sui social media. Tutto questo ci sta aiutando a cambiare l'immagine dell'Albania, e sta facendo capire ai turisti che questo è un luogo unico che deve essere visitato almeno una volta nella vita.

Occhi puntati sul turismo eco-sostenibile

Attirare maggiori turisti ma proteggendo sempre l’ambiente naturale. Ecco perché il turismo sostenibile è diventato molto importante; dobbiamo pensare che quando andiamo all'estero dobbiamo lasciare un'impronta positiva.

Destinazioni come le Seychelles sono diventate un punto di riferimento del turismo responsabile. Le isole si sentono particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici. Ora nuove leggi stanno limitando accessi a zone protette, e poi niente uso di oggetti fatti in plastica. "Stiamo incoraggiando tutti i turisti che arrivano alle Seychelles per farsi una vacanza entusiasmante, a cercare di mantenere intatte le isole mentre visitano luoghi e posti incredibili. Stiamo cercando di incoraggiarli a fare attività che siano sostenibili”, ha dichiarato il Ministro del turismo locale Didier Dogley. "Stiamo cercando di convincere tutti gli hotel a seguire questa strada, mi riferisco al programma sulla sostenibilità che abbiamo intrapreso. Fondamentalmente fornisce agli alberghi un vademecum per quanto riguarda l'uso di energia e dell'acqua, ma anche per l’uso di diversi prodotti, sia che si tratti di prodotti locali usati in hotel che nei loro ristoranti.”

La sostenibilità passa anche dai cieli.

Compagnie come la Thai Airways stanno investendo in nuovi aerei, più ecologici e più efficienti nei consumi. Le nuove tecnologie stanno trasformando il nostro modo di viaggiare e di esplorare nuovi mondi. "In Thai Airways siamo entusiasti di puntare sulla tecnologia green, il rispetto dell'ambiente viene prima di tutto; ecco perché cerchiamo di fare sempre del nostro meglio per acquisire nuove tecnologie, puntando su nuovi velivoli, perché sappiamo che questi sono più efficienti dal punto di vista dei consumi. Senza contare, che oltre ai nuovi aerei, ci stiamo impegnando anche a rispettare l’ambiente in azienda”, sottolinea Kittiphong Sansomboon, Direttore Commerciale - Dipartimento di Comunicazione Thai Airways. “Stiamo lavorando anche per la gestione dei rifiuti. Stiamo sviluppando lo sviluppo sostenibile del catering e del carico, in poche parole stiamo cercando di lavorare al meglio per garantire la gestione dei rifiuti."

La fiera ITB di Berlino è un'opportunità per tutti gli attori chiave per discutere delle attuali tendenze del settore. Le infrastrutture turistiche sono una delle sfide principali, al centro di dibattiti che hanno visto la presenza di ministri e alti funzionari. Mariam Kvrivishvili, Responsabile dell'amministrazione nazionale del turismo georgiano ci tiene a precisare che tutti devono garantire di essere responsabili quando si tratta di turismo sostenibile. “Questo è il nostro obiettivo: essere eco-compatibili perché il 65% della Georgia è composto da montagne ed c’è molto verde.”

Per cercare di rendere il turismo sempre più eco-friendly, molti paesi stanno puntando su campagne pubblicitarie, cercando di porre un freno al turismo di massa. L'eccesso di turisti è un grosso problema per molte destinazioni, come ad esempio Venezia, Dubrovnik e altri posti. La ricetta del Prof. Roland Conrady, Direttore Scientifico ITB Berlin è puntare su nuove misure per affrontare questo problema. “Abbiamo bisogno di restrizioni o di ulteriori regole. Non tutti possano entrare gratuitamente in certi posti, devono pagare per visitare un posto, ecco perché sono in atto diverse misure per affrontare queste sfide”.

Il boom della Cina

Anno straordinario, il 2018, per la Cina. Straordinaria la presenza di stranieri. Non solo Pechino o la Via della Seta. La sfida del governo cinese è incoraggiare i viaggiatori a visitare luoghi poco conosciuti, come la provincia di Hainan. La città di Sanya, ad esempio, è paragonata alle Hawaii e sta diventando una destinazione top per le sue spiagge e il suo mare cristallino.

Fenghua Fu, Vicedirettore divisione Marketing internazionale del dipartimento del turismo ha fatto notare che Hainan è un'isola tropicale nella provincia a sud della Cina. Si trova alla stessa latitudine di Pucket e delle Hawaii. La prima impressione che la gente ha è quella di un posto di mare, sole e spiagge, ma abbiamo anche molte risorse naturali. Ci sono 1944 chilometri di costa, 61 meravigliose baie, più di 70 sorgenti calde naturali e 81 montagne alte oltre 1000 metri. "Abbiamo una politica dei visti molto più easy rispetto alla Cina. Tra i 59 paesi che non devono fare il visto ci sono stati europei, come Germania, Regno Unito e Francia."

Filippine: nuova meta per nuovi mercati

Tra le altre destinazioni che stanno avendo un grande riscontro ci sono le Filippine. Una meta che sta cercando di attingere a nuovi mercati come la Russia e il Medio Oriente.

Al centro delle risorse locali: attrazioni turistiche, luoghi e paesaggi mozzafiato e una grande ospitalità. "Sempre più spesso stiamo cercando di diversificare le nostre offerte, non solo spiaggia e montagne. Stiamo promuovendo tutto, stiamo puntando su diversi aspetti del viaggio: ora le persone viaggiano per interesse. Ecco perché noi stiamo cercando di portare i turisti nelle Filippine, stiamo puntando sul turismo internazionale ma anche su quello interno, nazionale. E nel nostro interesse”, ha sottolineato Marie Venus Q. Tan, Direttore Ufficio promozione del turismo delle Filippine. "Tutto quello che stiamo facendo è incentrato sulla nostra forza, sulla nostra cultura, sulla nostra gente, sula nostra storia. Puntiamo su chi gestirà tutto questo nei prossimi 10 anni, vogliamo creare sempre maggior interesse verso le Filippine.

Ora, dopo queste analisi e questi suggerimenti non resta che preparare la valigia o pensare alla prossima vancaza. Nel rispetto dell’ambiente e delle tradizioni locali.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.