ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Prezzo del latte ovino: c'è l'accordo tra pastori e industriali

Prezzo del latte ovino: c'è l'accordo tra pastori e industriali
Dimensioni di testo Aa Aa

Prezzo del latte ovino: c'è l'accordo.

"O cambia qualcosa o la protesta continua": determinati a non accontentarsi di 60 centesimi al litro e a mantenere alta l'attenzione dell'opinione pubblica sulla vertenza per un prezzo equo del latte ovino.

Alla fine l'accordo è arrivato.

Dopo quasi un milione di litri di latte ovino versato per strada, i blocchi lungo le principali arterie della regione, le azioni di guerriglia rurale con l'assalto alle cisterne, qualcosa in effetti è cambiato: i pastori sardi hanno firmato un accordo che prevede 74 centesimi al litro, contro i 60 di avvio protesta e i 72 centesimi su cui si erano bloccati i negoziati.

Ancora assalti alle cisterne che trasportano il latte.

L'intesa appena raggiunta non è stata però sufficiente a placare le tensioni. Nelle campagne di Torralba, vicino a Sassari, un camioncino del latte è stato bloccato e dato alle fiamme da un gruppo di uomini incappucciati.

L'intesa tra pastori sardi e industriali caseari.

L'intesa, siglata al tavolo convocato dal prefetto di Sassari, Giuseppe Marani, mette nero su bianco l'impegno del settore caseario a un conguaglio - fissato per novembre - sulla base del prezzo di mercato del pecorino romano.

L'impegno del governo.

Sull'esito della trattativa hanno influito le misure annunciate dal governo, che ha stanziato di 29 milioni di euro: 14 per il ritiro delle scorte di formaggio rimaste invendute, 10 milioni per i piani della filiera ovina e altri 5 per abbattere gli interessi pagati dagli allevatori sui prestiti.