ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venezuela: una domanda scomoda, tre ore agli arresti

Venezuela: una domanda scomoda, tre ore agli arresti
Dimensioni di testo Aa Aa

In Venezuela giornalisti agli arresti.

In Venezuela una domanda scomoda al presidente Nicolás Maduro vale circa tre ore di detenzione. Tanto hanno passato agli arresti i sei giornalisti della troupe tv del network americano in lingua spagnola, Univision.

Al centro dell'intervista contestata la legittimità della presidenza Maduro e l'emergenza umanitaria vissuta in Venezuela.

Il resoconto dei fatti è di Jorge Ramos, il giornalista incappato nella 'censura' presidenziale.

"Quando gli ho mostrato un video che avevo filmato io stesso - racconta Ramos - u_n filmato di alcuni giovani in un camion della spazzatura, che tiravano fuori i rifiuti e cercavano il cibo da mangiare, in quel momento Maduro ha fermato l'intervista e se n'è andato. Il Ministro per l'Informazione, Jorge Rodriguez, è venuto a dirci che l'intervista non era autorizzata e ha disposto che ci confiscassero tutta la nostra attrezzatura, le telecamere, le schede video e i nostri telefoni"_.

Jorge Ramos ha anche dichiarato di aver chiesto a Maduro se fosse un presidente o un dittatore perché milioni di venezuelani continuano a non considerarlo un presidente legittimo.

Aiuti umanitari: non si passa.

Non passano i giornalisti e neppure gli aiuti umanitari, stoccati in Colombia con il proposito di varcare il confine col Venezuela.

I camion vengono bloccati e - in alcuni casi - bruciati, com'è accaduto al mezzo che tentava di oltrepassare il ponte Francisco de Paula Santander.