ULTIM'ORA

Finlandia, il "reddito di cittadinanza" fallisce il test: non aiuta i disoccupati a lavorare

Finlandia, il "reddito di cittadinanza" fallisce il test: non aiuta i disoccupati a lavorare
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Assegnare ai disoccupati, per due anni, un reddito di base garantito non li ha aiutati nell'inserimento del mondo del lavoro. In Finlandia i risultati preliminari di uno studio mostrano come l'esperimento del governo di assegnare 560€ esentasse a 2mila disoccupati, dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2018, sia fallito.

Durante il primo anno, il progetto pilota voluto dall'esecutivo finlandese non ha prodotto effetti né sul livello di occupazione né sul livello di reddito individuale dei partecipanti, scrivono i ricercatori tracciando le conclusioni in un documento pubblicato venerdì scorso.

Durante il periodo sotto esame, i finlandesi selezionati sono stati i primi europei a ricevere un assegno annuale da parte dello Stato, indipendentemente dal fatto che avessero o meno trovato lavoro.

"L'esperimento sul reddito di base non ha portato ad una crescita dell'occupazione dei partecipanti durante il primo anno", fanno sapere l'agenzia governativa responsabile del progetto, Kela, e il Ministro degli Affari sociali e della Salute.

Ciononosante, tutti coloro che hanno ricevuto l'elargizione mensile "si sono sentiti meglio alla fine dell'esperimento rispetto agli altri partecipanti del gruppo di controllo".

I risultati dello studio, va ricordato, sono preliminari e si basano solamente sul primo anno di progetto. Allo stato attuale non è ancora possibile trarre conclusioni definitive, aggiungono le autorità locali.

Chi ha percepito un reddito di base, nel corso del test, ha lavorato in media per 0,5 giorni in più rispetto a coloro che non l'hanno ricevuto. Nel corso dell'anno, il numero medio di giorni lavorativi è stato di 49,64 per i primi, di 49,25 per i secondi.

La percentuale di coloro che percepiscono un reddito da lavoro dipendente e da impresa è superiore di circa un punto percentuale rispetto al gruppo di riferimento (43,70% e 42,85%). Per contro, il salario medio e il reddito da impresa è risultato inferiore di 21 euro per i soggetti con reddito base (€ 4.230 e € 4.251).

Il test, della durata di due anni, è stato definito un passo verso l'eliminazione delle diseguaglianze nella società.

Alcuni miliardari tra cui Mark Zuckerberg e Elon Musk si sono espressi a favore di un reddito di base universale come possibile soluzione al problema della diffusa disoccupazione.

"Penso che finiremo con l'avere un reddito universale di base, sarà necessario", ha affermato il CEO di Tesla, Musk, in un'intervista alla CNBC a novembre.

I risultati dello studio sono stati presentati in un seminario. Riportiamo la diretta streaming dell'evento nel player qui sopra.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.