ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ecuador: "In Venezuela elezioni, no azioni militari"

Ecuador: "In Venezuela elezioni, no azioni militari"
Dimensioni di testo Aa Aa

Il ministro degli esteri dell'Ecuador, José Valencia, intervistato dalla corrispondente di Euronews da Bruxelles, Ana Lázaro.

Cosa pensa dell'ultimatum di sei paesi dell'Unione Europea, Spagna compresa, a Nicolás Maduro. È utile? Ha senso chiedergli di indire libere elezioni?

"Pensiamo che più che una scadenza specifica, è importante determinare il più presto possibile che un'elezione deve svolgersi. Questa è stata la nostra posizione quando abbiamo riconosciuto Guaidó come presidente ad interim, e abbiamo pensato che questo possa facilitare una nuova apertura, una nuova soluzione. I venezuelani sono quelli che finalmente risolveranno i loro problemi, ma l'aiuto della comunità internazionale sarà essenziale. Questo mi porta alla seconda parte della sua domanda: Le elezioni? Sì, organizzate da venezuelani ma con il sostegno della comunità internazionale e degli osservatori".

Nel caso in cui le richieste della comunità internazionale non servano, ritiene utile un intervento militare?

"Assolutamente no. L'Ecuador non crede che l'intervento militare sia un'opzione. Pensiamo che i problemi politici debbano essere risolti con mezzi pacifici, esclusivamente con mezzi democratici".